un barattolo di salsa di noci squisito condimento ligure

la Salsa di Noci alla Ligure: un delizioso condimento per la pasta fresca

La Salsa di Noci alla Ligure, specialità gastronomica tipica soprattutto del genovese, è uno squisito condimento a base di prodotti semplici e genuini, che si sposa benissimo con la pasta fresca tradizionale della Liguria, in particolare le trofie, i pansoti e i corzetti. Ha una valenza culturale molto importante, tanto che le sue tecniche di produzione sono riconosciute Patrimonio Immateriale dell’umanità dall’Unesco

La salsa di noci (sarsa de noxe, in dialetto ligure) insieme al Pesto Genovese, è un tipico condimento ligure, in particolare dell’entroterra della Provincia di Genova.

Questo condimento ligure è diventato con il tempo uno dei protagonisti della tradizione gastronomica regionale che fa largo uso di frutta secca per la preparazione dei piatti tipici. E da qui si è diffuso in tutta Italia, da Nord a Sud, dove è stato introdotto in numerose ricette di primi piatti.

Le caratteristiche della Salsa di Noci alla Ligure

Ha una consistenza molto cremosa, è molto profumata ma ha allo stesso tempo un gusto molto delicato, che la rende ideale per condire le paste fresche tipiche della Liguria, in particolare le trofie, i pansoti (ravioli di forma triangolare ripieni di erbette o di spinaci) e i corzetti (un tipo di pasta a forma circolare).

La sua preparazione avviene utilizzando un mortaio di ulivo, antico strumento che permette ai gherigli delle noci di essere adeguatamente schiacciati, così da sprigionare al massimo il loro sapore e conferire alla salsa una nota più calda.

La Salsa di Noci alla Ligure è Patrimonio Immateriale dell’UNESCO

La Salsa di Noci alla Ligure è tanto importante nella tradizione gastronomica regionale che la ricetta tradizionale è stata inserita nel “patrimonio immateriale dell’Unesco”, rendendola meritevole di tutela.

Ed è stata “preferita” dal World Heritage Central al pesto ligure perché, per mantenere viva la ricetta della salsa di noci, è necessario tutelare le tecniche tradizionali di preparazione e le usanze culturali che ruotano attorno a questo squisito condimento, onde evitare che vengano dimenticate.

Al contrario, la ricetta del pesto è molto più diffusa, anche al di fuori dai confini nazionali, e per questo meno esposta a rischio di sparizione. Anche perché é stata protagonista assoluta di diverse strategie di marketing territoriale che ne hanno esteso la fama.

Pensate che l’ho trovata squisita anche in diversi ristoranti italiani all’estero, ad esempio in Argentina e in Portogallo. Ma anche in Spagna, a Barcelona e a Madrid.

La ricetta tradizionale della Salsa di Noci

Non sto a indicarti le dosi esatte per preparare questo squisito condimento ligure, perché non è l’obiettivo dell’articolo, ma ti indico solo gli ingredienti necessari e il procedimento di preparazione.

Gli ingredienti sono pochi e tutti molto genuini, ma il procedimento è abbastanza articolato. Ci vogliono ovviamente le noci, insieme ad aglio, Parmigiano Reggiano, pinoli, olio extravergine d’oliva, latte e mollica di pane.

La prima cosa da fare per preparare questo squisito condimento ligure è far bollire le noci per poter sbucciare i gherigli, che devono essere perfettamente puliti, in modo tale da non avere contaminazioni di gusto e di consistenza a causa della pellicina che li ricopre

Successivamente occorre cuocere i gherigli per circa 5 minuti, dopo di che scolarli e asciugarli perfettamente.

In un recipiente metti la mollica di pane, versa il latte e mescola. Dopo di che occorre scolare questo composto in un colino e tenere da parte il latte filtrato.

Prendi un mixer e unisci il latte filtrato, i gherigli sbucciati e il pane ammorbidito, insieme ai pinoli. Aggiungi aglio e parmigiano reggiano, e unisci olio, fino ad ottenere la consistenza desiderata.

La principale difficoltà in questo tipo di preparazione è la pulitura dei gherigli dopo essere stati scottati, che deve essere fatta a mano, uno per uno. Armati di pazienza, perché ne vale davvero la pena.

I 5 migliori alberghi dove dormire a Genova

Se vuoi provare un piatto di pasta fresca ligure condita con la squisita salsa di noci ti consiglio di andare a Genova, e di approfittare per conoscere la bellissima città che ti farà sicuramente restare a bocca aperta.

Il centro storico è davvero fantastico, così come la zona del Porto Antico di Renzo Piano, giusto per citarti alcuni dei luoghi più emblematici della città che vale davvero la pena visitare.

Genova è una città che negli anni è divetata molto turistica, quindi se decidi di visitarla ti sarà facile trovare un albergo adeguato alle tue specifiche esigenze e al tuo budget.

Io ci sono stato molte volte, e conosco molti alberghi, per cui mi permetto di consigliartene 5 che conosco personalmente perchè ci ho soggiornato, e che sapranno garantirti un’ottima relazione qualità prezzo. Sono tutti nelle immediate prossimità del centro storico e del Porto Antico, quindi molto comodi. Eccoli:

Se quelli che ho indicato non fanno per te, puoi cercare direttamente facendo clic sulla mappa qui sotto o indicando nel box le date che ti interessano. I prezzi che vedi sono riferiti a notte per due persone.

Booking.com
Condividi:

Ti è piaciuto l'articolo?