Taormina: un lembo di paradiso sulla terra

Taormina è senza ombra di dubbio la più bella località turistica della Sicilia, e una delle più belle in Italia. Il motivo? Prima di tutto la sua splendida posizione geografica sul versante del Monte Tauro a strapiombo sul Mar Ionio, che è l’elemento che plasma la sua anima, al quale si aggiunge l’incredibile ricchezza di testimonianze storiche culturali prima fra tutte il bellissimo Teatro Antico di origine greca. Il teatro greco di Taormina è infatti il secondo più grande della Sicilia dopo quello di Siracusa e quello con la più bella posizione tra tutti i teatri greci del mondo. E a questi due aspetti si deve aggiungere anche il bellissimo centro storico di Taormina, che ha il suo fulcro in Corso Umberto I, una via pedonale di ben 800 metri delimitata da due antiche porte lungo il quale si trovano bellissime piazze con edifici religiosi e splendidi palazzi antichi, che regalano anche dei panorami mozzafiato della costa e dello spazio marino, con la mastodontica sagoma dell’Etna all’orizzonte. Lungo questa strada e queste piazze si concentra anche la socialità e la mondanità di Taormina, grazie alla presenza delle boutique più esclusive, agli eleganti bar e ai migliori ristoranti, elemento che attira tutti gli anni un numero incredibile turisti e di VIP italiani e stranieri. Ma Taormina è anche più semplicemente sole e mare, per qualche momento di puro relax sulle sue spiagge, la più bella delle quali è senza dubbio la spiaggia di Isola Bella in corrispondenza di Isola Bella, un minuscolo isolotto che con la bassa marea puoi raggiungere anche a piedi. A Taormina <<si trova tutto ciò che sembra creato in terra per sedurre gli occhi, la mente e la fantasia>>, parola di Guy de Maupassant.

Dove si trova Taormina

Taormina si trova adagiata sulla pendenza sud-orientale del Monte Tauro, una terrazza naturale di poco più di 200 metri d’altezza a picco sul Mar Ionio che lambisce le coste nord-orientali della Sicilia e che si sviluppa proprio davanti alla bellissima area naturale del Parco dell’Etna.

Il comune di Taormina fa parte dell’area metropolitana di Messina, si trova a circa 60 chilometri a Sud dello Stretto di Messina seguendo la linea della costa e ha una popolazione di poco più di 10 mila persone che ci risiedono tutto l’anno, e che aumentano esponenzialmente durante la stagione estiva per l’arrivo di tantissimi turisti sia dall’Italia che dall’estero.

La sua meravigliosa posizione e le sue bellezze naturalistiche rendono Taormina uno dei più bei posti in Italia per le tue vacanze all’insegna del sole e del mare, ma anche per fare esperienze culturali, tanto che per entrambe le ragioni è conosciuta come la “Perla dello Ionio”. E non sono esagerato quando ti dico che è addirittura il centro turistico più famoso ed importante dell’intera Sicilia.

Del resto, come afferma lo scrittore francese Guy de Maupassant, a Taormina <<si trova tutto ciò che sembra creato in terra per sedurre gli occhi, la mente e la fantasia>>

Come arrivare a Taormina

Grazie alla sua posizione nella parte settentrionale della costa siciliana vicino allo stretto di Messina e quindi alla città di Messina, Taormina è facilmente raggiungibile in macchina o in moto dal Continente e dalle altre città della Sicilia, ma anche in treno e in aereo.

– In auto o in moto

Arrivare a Taormina in auto o in moto è molto semplice, anche se arrivi dal Continente. In questo caso dovrai imbarcare il tuo mezzo su un traghetto al porto di Villa San Giovanni (in Calabria) per sbarcare al Porto di Messina.

Se invece sei già in Sicilia in macchina, qui di seguito ti indico le distanze dalle principali città. Le strade sono abbastanza buone e il traffico è relativamente scarso, quindi i percorsi sono quasi sempre abbastanza veloci:

  • 54 chilometri dal Porto di Messina (da dove partono alcuni traghetti verso le Isole Eolie)
  • 54 chilometri da Catania
  • 89 chilometri dal Porto di Milazzo (il porto principale per traghetti e aliscafi verso le Isole Eolie)
  • 119 chilometri da Siracusa
  • 220 chilometri da Agrigento
  • 263 chilometri da Palermo
  • 369 chilometri da Trapani

Il centro storico di Taormina è accessibile in macchina solo ai residenti, mentre Corso Umberto I è totalmente pedonale, quindi se ci arrivi in macchina e in moto devi parcheggiare in uno dei tre parcheggi fuori dal centro storico. Solo alcuni hotel di Taormina di alta categoria hanno posti auto riservati ai clienti.

– In aereo

Il modo più rapido per arrivare a Taormina dal Continente è in aereo dall’Aeroporto di Catania Fontanarossa, che è molto ben collegato con tutti i principali aeroporti italiani, soprattutto da quelli del Nord. Ma sono molto comodi anche gli altri due aeroporti siciliani: l’Aeroporto di Trapani e l’Aeroporto di Palermo, ottime opzioni soprattutto se la tua idea è quella di fare un tour dell’isola che includa le altre bellissime località della zona occidentale.

L’Aeroporto di Catania si trova a 70 chilometri a Sud di Taormina e da lì la raggiungi grazie a diverse linee di autobus che partono direttamente dall’aerostazione, oppure affittando una macchina delle compagnie di autonoleggio.

Per confrontare le tariffe di tutte le compagnie nelle date che ti servono, e trovare quella che garantisce la migliore offerta, ti consiglio di fare come ho fatto io e prenotare una macchina a noleggio online sul portale www.ionoleggioauto.it oppure su www.doscovercars.com.

Con questi portali trovare le migliori auto e noleggio e le migliori tariffe è molto facile: ti basta andare sul sito, inserire “Aeroporto Catania” nella location, la data e l’ora di inizio e fine del noleggio, e il gioco è fatto.

I due portali ti indicano l’elenco dei modelli di auto a noleggio, le opzioni disponibili e le tariffe proposte da tutte le compagnie, tra le quali potrai scegliere quella che è più in linea con il tuo budget e con le tue specifiche esigenze.

– In treno

Puoi arrivare a Taormina anche in treno da Messina, da Catania e tutte le principali località della Sicilia, anche se raggiungi l’isola in aereo.

Ad esempio, l’Aeroporto di Catania è collegato alla Stazione Centrale di Catania da un servizio di autobus chiamato Alibus e gestito dalla società di trasporto urbano AMT Catania. Da lì raggiungi la stazione di Taormina con un Regionale o con un Intercity in meno di 2 ore.

Ma c’è un problema: la stazione di Taormina è molto scomoda per raggiungere il centro città, infatti si trova in fondo ad una rapida discesa di 4 chilometri. Se arrivi in treno devo per forza prendere un taxi o un autobus.

– In autobus

L’autobus è in assoluto il mezzo più comodo per raggiungere Taormina dalle diverse città siciliane e dall’Aeroporto di Catania, tanto più che l’autostazione si trova a soli 400 metri a est di Porta Messina, l’ingresso nord-orientale del centro storico.

Questo è infatti il punto esatto dove comincia Corso Umberto I, la lunga via totalmente pedonale che è anche centro nevralgico della socialità e dello shopping.

Cosa vedere a Taormina

Cosa vedere a Taormina? Ti anticipo subito che Taormina è così ricca di cose da vedere che un fine settimana non ti basterà per conoscere tutti i luoghi che ne fanno la località più bella della Sicilia, ma è appena sufficiente per assaggiarla.

Se per caso hai letto l’opera di Goethe intitolata Viaggio in Italia del 1787 ti ricorderai che lo scrittore l’ha definita come un <<lembo di paradiso sulla terra>>, e ti posso assicurare che anch’io ho avuto la stessa sensazione.

Per avere una visione d’insieme della magnificenza degli elementi che fanno di Taormina un luogo unico, ti suggerisco di cominciare a conoscerla dall’alto, prendendo la funivia Mazzarò-Taormina, perchè ti permette di avere un primo punto di vista sulle testimonianze storiche e culturali che custodisce gelosamente, ma anche del suo paesaggio marino.

Ma ti permette anche di percepire la sua essenza mondana, che sicuramente coglierai fino in fondo passeggiando per le vie del centro storico totalmente pedonale, dove abbondano le boutique più esclusive, i locali alla moda e i ristoranti eleganti che nelle sue piazze si alternano ai bellissimi edifici religiosi e ai palazzi storici con centinaia di anni di storia.

Ti anticipo un altro aspetto che mi è piaciuto tantissimo di Taormina: non si contano i belvedere e i punti panoramici dentro e fuori il centro storico dai quali potrai vedere la costa calabrese e siciliana e il profilo dell’Etna da tanti punti di vista sempre unici, che però hanno tutti in comune il bellissimo mare cristallino dalle diverse tonalità del turchese.

– Il centro di Taormina: Corso Umberto I, Porta Catania e Porta Messina

Sono certo che la tua visita alla scoperta della bellezza di Taormina inizia da Corso Umberto I, la via principale che attraversa il suo centro storico da Nord a Sud. È totalmente pedonale, le case di pochi piani con le facciate in tonalità pastello, la abbelliscono con balconi pieni di fiori colorati che regalano un’atmosfera davvero suggestiva e rilassante. E questa sua caratteristica la rende meta privilegiata per le passeggiate di locali e turisti, che affollano i tanti bar e ristorante con i tavolini all’aperto.

Corso Umberto I era l’antico asse viario durante l’epoca greco-romana. Questa sua importanza storica è testimoniata dalla presenza di due porte che lo delimitano alle estremità: Porta Messina e Porta Catania, due archi che anticamente erano parte integrante della struttura difensiva.

E negli 800 metri che le separano trovi gli elementi che danno vita all’incredibile miscela di antichità e di vibrante modernità e mondanità che rende Taormina una località turistica unica.

Infatti, il Corso Umberto I di Taormina è un susseguirsi di boutiques, botteghe artigiane, negozi di souvenirs e caffè, ma è soprattutto ricca di testimonianze artistiche di epoche diverse, tra le quali spiccano le bellissime chiese medioevali. Ma secondo me l’elemento più bello sono le tante stradine che si aprono ai suoi lati, nelle quali puoi rifugiarti se c’è troppa gente, altra caratteristica che la contraddistingue perchè è transitata ogni giorno da persone provenienti da tutto il mondo

A metà strada tra le due porte che delimitano Corso Umberto I trovi la bellissima Piazza IX Aprile, un ampio slargo conosciuto in tutto il mondo per l’incredibile vista che si può ammirare dalla sua grande balconata panoramica. Ma anche Piazza Duomo e Piazza Vittorio Emanuele, magari non belle come la prima ma sicuramente degne di essere viste con calma.

– Piazza IX Aprile: la terrazza panoramica di Taormina

Piazza IX Aprile, oltre ad essere la più grande piazza di Taormina, è soprattutto una bellissima terrazza panoramica affacciata sul mare e ombelico della socialità e della vita mondana della Perla dello Ionio.

La vista che si apre davanti ai tuoi occhi è davvero incredibile: da qui vedi l’incredibile profilo dell’Etna, le coste della baia di Giardini Naxos lambita dal mare cristallino e la collina che ospita il Teatro Greco, del quale ti parlerò tra poco, ma che ti anticipo essere l’elemento più emblematico della cittadina siciliana.

Non perdertela di sera all’ora del tramonto perchè la troverai avvolta in un’atmosfera davvero suggestiva. Noterai sicuramente la sua fantastica pavimentazione a scacchi, che io adoro, e che contribuisce a slanciarla e a renderla davvero molto elegante.

Parlando di edifici religiosi, su piazza IX Aprile si affacciano due bellissime chiese: la chiesa barocca di San Giuseppe, del secolo XVII, e l’ex chiesa gotica di Sant’Agostino.

Ma ci trovi anche la torre dell’Orologio, chiamata anche Porta di Mezzo, il cui arco dà accesso alla città vecchia. La torre merlata fu costruita nel secolo XII, poi distrutta durante l’invasione francese e infine ricostruita nel 1679 quando fu collocato l’orologio dal quale prende il nome.

E adesso una curiosità storica: originariamente la piazza era dedicata a Sant’Agostino, ma il 9 Aprile 1860 si diffuse la notizia che Garibaldi era sbarcato a Marsala per liberare la Sicilia dai Borbone. Questa notizia si rivelò falsa, anche se effettivamente Garibaldi venne davvero a Taormina, ma solo un mese dopo. Nonostante questo i cittadini di Taormina hanno comunque voluto ricordare quella data storica dedicandole la sua piazza più bella.

– Piazza del Duomo e la Cattedrale di Taormina

Come ti ho già accennato, lungo Corso Umberto I trovi anche la suggestiva Piazza del Duomo che ospita la Cattedrale di Taormina (Duomo di Taormina) dedicata a San Nicola.

La Cattedrale di Taormina è stata edificata intorno al 1400 sui resti di una chiesa duecentesca, ma nel corso dei secoli ha subito diversi rifacimenti, come quello testimoniato dal portale principale del 1536 e quelli che in due periodi diversi hanno interessato i due accessi laterali: quello sul lato sinistro risalente al Quattrocento, mentre quello sul lato destro al Cinquecento.

Secondo i miei gusti la Cattedrale è l’edificio religioso più bello di Taormina, soprattutto per la sua facciata in pietra che si presenta davanti a te imponente e austera, e con il perimetro completamente bordato da merli, tanto da farla sembrare più una fortezza che un luogo di culto.

Il piccolo rosone centrale della Cattedrale di Taormina è di origine rinascimentale, mentre nella parte bassa a fianco dell’ingresso vedi due finestre monofore. Bellissima è anche la sua elegante torre campanaria.

Ti suggerisco di non limitarti ad ammirare l’esterno della Cattedrale di Taormina ma di prenderti dieci minuti per ammirare la semplice bellezza del suo interno. Vedrai che ha una struttura a croce latina con tre navate e tre absidi. Bellissime sono anche le sei imponenti colonne in marmo rosa che sorreggono la navata centrale con il soffitto in legno, e che sono sormontate da capitelli decorati molto finemente.

Di fronte al Duomo c’è anche una fontana seicentesca in stile barocco adagiata su gradoni circolari e circondata da quattro fontanelle laterali. Se presti attenzione al centro della fontana vedi la centaura incoronata che nella mano sinistra regge il mondo, mentre in quella destra lo scettro del comando. Questa rappresentazione è il simbolo della città di Taormina.

– Il Palazzo di Santo Stefano: capolavoro di arte gotica siciliana

Se il Duomo di Taormina è l’edificio religioso che mi è piaciuto di più, l’edificio civile più bello è senza dubbio il trecentesco Palazzo di Santo Stefano che trovi incorporato nelle antiche mura erette a difesa della città.

Il Palazzo di Santo Stefano di Taormina ha una massiccia struttura quadrata che ricorda una fortezza possente e austera, alleggerita però da diversi elementi decorativi che contribuiscono a slanciarla e a renderla più elegante.

Questo palazzo è stato per molti anni la residenza dei De Spuches, una nobile famiglia spagnola che aveva anche i titoli di Duchi di Santo Stefano di Brifa e Principi di Galati, due centri del messinese.

Il Palazzo di Santo Stefano di Taormina è senza esagerare un autentico capolavoro di arte gotica siciliana, che mescola sapientemente e in modo molto armonico elementi decorativi arabi e normanni.

Il torrione a pianta quadrata ornato da merli è di origine normanna, mentre la fascia decorativa a losanghe fatta in pietra lavica e in pietra calcarea di Siracusa posta sul bordo superiore delle facciate a Nord e a Est è sicuramente di origine araba. A questa si aggiungono bifore che nel piano superiore si arricchiscono di arcate molto lavorate.

Grazioso è anche il giardino che conserva ancora il pozzo per la raccolta dell’acqua piovana. Oggi il Palazzo di Santo Stefano è di proprietà del Comune di Taormina che ha destinato i suoi spazi ad ospitare l’esposizione permanente della collezione delle opere di scultura e di grafica dell’artista messinese Mazzullo, diventando sede dell’omonima Fondazione.

– Palazzo Corvaja: una bella villa gentilizia con funzioni di fortezza

Passeggiando per il centro di Taormina, a pochi minuti a piedi da Porta Messina, trovi Palazzo Corvaja. Si tratta di una bella villa gentilizia con struttura di fortezza in pietra che si trova nella piazza che un tempo era l’antico foro romano e prima ancora l’agorà della greca Tauromenion.

Esternamente noti la sua struttura alta e maestosa di Palazzo Corvaja che conserva ancora oggi gran parte delle sue caratteristiche architettoniche originali, e che lo rende molto diverso dagli altri edifici che circondano la piazza.

In realtà, la struttura di Palazzo Corvaja come la vedi oggi è il risultato armonico di elementi stilistici aggiunti dalle dominazioni che si sono susseguiti nel corso dei secoli, e che lo hanno modificato.

Il nucleo originario di Palazzo Corvaja era la torre cubica realizzata dagli arabi per scopi militari tra il 902 e il 1079. Del secolo XIII è invece l’ala laterale sinistra e la scala che dal cortile porta al primo piano, mentre degli inizi del XV secolo è l’ala laterale destra destinata ad ospitare le assemblee del Parlamento siciliano.

Riconosci facilmente che le merlature della torre sono realizzate in stile arabo, mentre le finestre bifore sulla facciata sono in stile gotico-catalano. Molto grazioso è anche il cortile interno dove puoi ammirare i preziosi rilievi e le finestre ad arco di epoca cristiana con influenze arabeggianti.

Palazzo Corvaja si chiama così perchè per più di 400 anni (dal 1538 al 1945) è stata residenza della famiglia Corvaja, dopo di che subì un lungo periodo di degrado e abbandono. Oggi è di proprietà del Comune di Taormina che lo ha adibito a sede dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e spazio museale dedicato ad ospitare mostre pittoriche e multimediali.

– Il Teatro Antico di Taormina: un palcoscenico sospeso tra mare e cielo

A soli 6 minuti da Porta Messina trovi il luogo storico e culturale più importante della bella località siciliana: il Teatro Antico di Taormina (o Teatro Greco) che, al di là del suo incredibile valore archeologico ti regala una scenografia della costa e dello spazio marino che definire magnifica sembra addirittura riduttivo.

Infatti, dal Teatro Antico di Taormina hai la vista in assoluto più bella della costa calabra e della costa ionica siciliana con l’inconfondibile sagoma dell’Etna sullo sfondo.

Il Teatro Antico di Taormina è una grandiosa testimonianza della Sicilia Antica, e il secondo teatro greco più grande dell’isola dopo quello di Siracusa. È stato edificato dai greci addirittura nel secolo III a.C., che scelsero proprio il bellissimo promontorio dove sorge quale ambientazione ideale per le loro rappresentazioni drammatiche e musicali.

Il Teatro Antico di Taormina è il teatro greco che ha la posizione più scenografica di tutti i teatri greci del mondo, tanto che appena ci andrai ti sembrerà una struttura sospesa tra il cielo e il mare.

Dopo i greci il Teatro Antico di Taormina fu ampliato e modificato dai romani nel corso del secolo II d.C., che trasformarono radicalmente la scena e l’orchestra in un’arena per i combattimenti tra i gladiatori e gli spettacoli di caccia.

Oggi trovi la struttura del Teatro Antico di Taormina in un eccellente stato di conservazione, quasi come se lì il tempo non fosse passato. E ancora oggi come allora ospita moltissime opere liriche, spettacoli musicali e teatrali, ma addirittura concerti, in un contesto paesaggistico che non ha eguali. Anche perchè è stato studiato dai greci per avere un’acustica perfetta.

Tra tutti gli eventi che hanno il Teatro Antico di Taormina quale palcoscenico, il più importante è senza dubbio il Taormina Arte, il festival internazionale delle arti, conosciuto e apprezzato a livello internazionale per il suo ricco calendario di eventi che rappresentano tutte le arti.

All’interno di questo interessantissimo contenitore artistico l’evento più significativo ospitato nel Teatro Antico di Taormina è senza dubbio il Taormina Film Festival, una delle più importanti rassegne cinematografiche a livello internazionale.

– I Giardini della Villa Comunale di Taormina

Se mentre stai visitando il centro di Taormina hai bisogno di qualche minuto di pace e di tranquillità, oltre a piazza IX Aprile puoi andare ai Giardini della Villa Comunale, a poca distanza da questa. Lungo i sentieri che costeggiano la sommità dei giardini puoi infatti ammirare la baia e anche una parte della città costiera sottostante.

I Giardini della Villa Comunale di Taormina sono infatti il luogo ideale per passeggiare tranquillamente, un’autentica oasi di tranquillità nel centro cittadino. Vedrai che sono curatissimi, ricchi di aiuole fiorite e arbusti di tante specie diverse tra le quali trovi bellissime sculture in bronzo e tante fontanelle.

La Villa Comunale di Taormina nasce come parco dell’abitazione di Lady Florence Trevelyan, una nobildonna inglese che visse a Taormina dal 1884 fino alla sua morte nel 1907, che lo volle allestire come un tipico giardino all’inglese con molte specie di piante rare provenienti da tutto il mondo: palme, piante grasse e tantissimi fiori colorati che in estate rendono questo luogo un incanto per gli occhi. Ci trovi soprattutto magnolie, ibischi e cespugli di bouganville perfettamente curate.

Lady Florence Trevelyan ospitò nella sua villa molti personaggi illustri dell’epoca, diventando così una specie di salotto per le riunioni dell’alta società locale e internazionale, contribuendo a rendere Taormina famosa in tutto il mondo.

Il giardino passò al Comune di Taormina nel 1922 e al suo interno, grazie all’estro di Lady Trevelyan, si possono ancora ammirare delle particolari costruzioni chiamate “victorian follies”. Questi sono edifici dallo stile esotico che furono costruiti dalla nobildonna, appassionata ornitologa, proprio per osservare gli uccelli.

Tra tutte, la costruzione più caratteristica è la cosiddetta “The Beehives”, fantasioso padiglione che ricorda, come dice il nome, un alveare.  

– Isola Bella di Taormina e spiaggia di Isola Bella

Un altro posto che non ti puoi perdere se decidi di visitare Taormina è l’incantevole Isola Bella. È un isolotto di circa un chilometro quadrato costituito da roccia calcarea e collegato alla terraferma da una striscia di sabbia che si protende verso le acque cristalline della baia come piccolo sentiero che puoi percorrere a piedi durante la bassa marea.

L’Isola Bella si trova a Mazzarò, una frazione del comune di Taormina, ed è una propaggine di terra davvero suggestiva. La trovi situata nell’insenatura dopo il promontorio di Sant’Andrea, a Sud della cittadina. Tanto bella e ricca di vegetazione lussureggiante che dal 1984 è stata dichiarata bene di rilevante interesse storico artistico, mentre dal 1998 è Riserva naturale.

Grazie alla sua bellezza e particolarità Isola Bella è anche conosciuta come “perla del Mediterraneo“, e per questo è addirittura decantata da Goethe, Byron, Dillon e tanti altri scrittori e poeti.

Appena vedi Isola Bella noti che il suo minuscolo territorio si articola in piccoli terrazzamenti collegati da scalette e camminamenti, immersi nel verde di una fitta macchia mediterranea e affascinanti arbusti esotici.

Con molta poca fantasia la striscia che lambisce la costa e che poi conduce sull’isola si chiama spiaggia di Isola Bella, ed è la spiaggia di Taormina in assoluto più famosa e più frequentata, e luogo ideale se vuoi prendere il sole e fare un bagno nelle bellissime acque del Mar Ionio.

La spiaggia di Isola Bella è costituita da ghiaia e sassi piuttosto grandi, e l’accesso è libero. Ma puoi comunque noleggiare lettini e ombrelloni, così come tavole da Stand-Up Padel (SUP).

– Il Monte Tauro e il Santuario Madonna della Rocca

Se vuoi avere una visuale diversa del Teatro Antico di Taormina e della costa in lontananza, ti suggerisco l’ascesa verso la cima del Monte Tauro, a soli 378 metri d’altezza. Il percorso è abbastanza facile tranne la parte finale che è piuttosto ripida.

Fare la passeggiata fino alla cima del Monte Tauro ti permette di conoscere anche il grazioso Santuario Madonna della Rocca, che si chiama così proprio perchè fondato in una roccia precisamente intorno al 1640 dall’abate Francesco Raineri.

È un luogo silenzioso e tranquillo che puoi raggiungere a piedi prendendo la scalinata che parte dal centro di Taormina, proprio da Corso Umberto I, oppure con uno dei tanti autobus che coprono la tratta in direzione di Castelmola.

E anche dal cortile a strapiombo del Santuario Madonna della Rocca hai una vista panoramica mozzafiato che spazia dal teatro greco alla baia.

Lungo la salita sul fianco della montagna, dove anticamente sorgeva l’acropoli greca, trove anche le rovine del castello saraceno di Taormina, che però non puoi raggiungere perchè il passaggio è interrotto da un cancello chiuso da un lucchetto.

Visita guidata a Taormina

Quando ho visitato le bellezze di Taormina mi sono fatto accompagnare da una guida professionale abilitata perchè ero molto curioso di conoscere gli aspetti storici, culturali, paesaggistici e le tradizioni che la caratterizzano, e che solo un accompagnatore locale ti può dare. Ecco perchè ti consiglio di contattare le Guide Turistiche Eolie Messina e Taormina. Io mi sono trovato davvero benissimo!

I 7 migliori appartamenti e hotel a Taormina

Gli appartamenti e gli hotel a Taormina sono molti e tendenzialmente ofrono ambienti e servizi di alta qualità. Io ci sono stato diverse volte, sia in vacanza che per motivi di lavoro, quindi mi permetto di suggerirti i 7 migliori appartamenti e hotel a Taormina che conosco personalmente perchè ci ho soggiornato, e che per questo sono sicuro sono in grado di soddisfare le tue aspettative.

I prezzi medi per ogni hotel a Taormina che ti indico si riferiscono a camera a notte, per 2 persone.

  • La Plage Resort – Fronte spiaggia (5 st., pr. medio: 430-440 euro, voto >8)

Tour privato a Taormina ed escursione sull’Etna

Se hai poco tempo e vuoi conoscere il meglio di Taormina insieme ai tuoi amici o ai tuoi famigliari (ideale ad esempio se soggiorni in un’altra località) ti propongo un tour privato in compagnia di una guida esperta della durata di 2 ore.

Il prezzo del tour privato di Taormina che vedi nel banner sotto si riferisce a tutto il gruppo (massimo di 25 persone), e puoi disdire la prenotazione senza costi entro 48 ore prima dell’inizio.

Se insieme alla visita guidata di Taormina vuoi fare un trekking sull’Etna per conoscere il suo bellissimo territorio dal punto di vista naturalistico, ti propongo un’escursione di 6 ore accompagnato da una guida turistica locale esperta.

Ti assicuro che vivrai un’esperienza davvero molto suggestiva e coglierai due piccioni con una fava! Anche in questo caso puoi disdire la prenotazione senza costi entro 48 ore prima dell’inizio.

Condividi:

Ti è piaciuto l'articolo?