in modo per le strade di Palomino, Colombia

Palomino: incantevole villaggio di pescatori nel caribe colombiano, punto di ingresso ideale per il Parco Tayrona…e non solo

Palomino è un grazioso villaggio di pescatori situato vicino a Santa Marta, nel cuore del caribe colombiano, che devi assolutamente conoscere se vuoi vivere un’esperienza autentica e a stretto contatto con la cultura locale. È anche un’ottima opzione per conoscere la bellezza del territorio circostante, in particolare la ricchezza naturalistica e le tradizioni indigene delle zone interne

Al di la delle spiagge e del mare, sono sicuro che una delle cose che vorrai sicuramente conoscere se decidi di scoprire la parte caraibica della Colombia, è il ricchissimo ambiente naturale che contraddistingue la porzione interna del suo territorio, e che culmina con le alte vette del Parque Nacional de Sierra Nevada e de Santa Marta.

In particolare avrai letto della bellezza del Parque Nacional Natural Tayrona (per semplicità Parco Tayrona), che pur sviluppandosi all’interno si affaccia sul mare. E che, per visitarlo, stai quasi sicuramente considerando di far base nella famosa città di Santa Marta, a poche ore d’autobus dalla stupenda Cartagena de Indias.

All'Ostello Casa Surf a Palomino, Colombia
Il Parque Nacional Natural Tayrona vicino a Palomino, Colombia

Ovviamente ci sono stato anch’io al Parco Tayrona, e ti confermo che non te lo devi assolutamente perdere. Ma invece di fermarmi a Santa Marta per i giorni che avevo previsto, ho deciso di optare per Palomino, un posto decisamente più gradevole, autentico e sicuro di Santa Marta, che non mi è piaciuta per nulla. Tanto che, dopo solo una notte, sono letteralmente scappato.

Prima di parlarti nello specifico di Palomino, ti voglio anticipare che è altrettanto comoda per raggiungere il parco, perchè se Santa Marta è ad Ovest, Palomino rimane ad Est, ma più o meno alla stessa distanza. Infatti, l’entrata del parco si raggiunge da entrambe in circa 40 minuti.

E poi, da Palomino è molto più comodo raggiungere i villaggi indigeni sulle montagne circostanti, che sono comunque difficili da visitare a causa della chiusura di questi popoli al turismo, e da li è abbastanza facile arrivare alla bellissima città di Minca e alla misteriosa Ciudad Perdida (Città Perduta).

Ma è anche il punto di partenza ideale se decidi di spostarti ancora più ad Ovest sulla linea della costa fino alla città di Rioacha, dalla quale potrai visitare 2 dei punti panoramici più emblematici di questo territorio: il Cabo de Vela e Punta Gallina, arrivando così quasi al confine con il Venezuela.

Palomino: un minuscolo e incantevole villaggio di pescatori

Palomino è stata una stupenda sorpresa, anche perchè non ne avevo sentito parlare quasi per nulla, nemmeno nei tanti blog di viaggio che avevo consultato prima di partire per il mio viaggio in Colombia. E anche la Lonely Planet gli dedica solo una piccola striscia di testo.

Ho deciso di andarci solo perchè me l’ha suggerita molto caldamente Alejandro, il proprietario dell’ostello dove ho dormito a San Gil, che ci era stato solo un mese prima insieme alla fidanzata, e che mi ha dato tantissimo utili suggerimenti su come organizzare il mio viaggio.

Ed ero molto perplesso sulla scelta fatta anche quanto ci sono arrivato. Infatti, appena sceso dall’autobus sulla provinciale che collega Santa Marta a Rioacha, quello che ho visto è stato solo un agglomerato urbano disordinatissimo e davvero poco attrattivo, che mi ha portato a domandarmi se avevo fatto la scelta giusta.

Ma non appena imboccata l’unica strada (non asfaltata) che dalla provinciale conduce al mare, mi sono subito ricreduto sulla prima impressione che ho avuto, perchè ho percepito la vera essenza di Palomino, che l’ha trasformata nel tempo in una vera e propria mecca per i backpackers e più in generale per i turisti che amano le esperienze autentiche.

Palomino è nata come minuscolo villaggio di pescatori, e continua ad esserlo, anche se nel tempo è diventata molto turistica proprio grazie alla sua splendida spiaggia orlata da palme, una delle più incantevoli del caribe colombiano, anche se a causa delle correnti sempre molto forti ti sconsiglio davvero di fare il bagno. Comunque è ideale per rilassarti e per vedere da vicino i pescatori intenti a preparare le loro reti tradizionali prima di andare a pescare, o a svuotarle dal pescato al rientro.

Poi, come ti ho detto prima, Palomino è posizionata davvero strategicamente rispetto al Parco Tayrona, a Minca e alle zone montane dell’interno dove ancora ci sono tanti villaggi indigeni, ma anche per la facilità nel raggiungere abbastanza velocemente Rioacha e la parte occidentale della costa.

A Palomino troverai diverse agenzie che offrono questi tour, compreso quello alla famosa Ciudad Perdida (Città Perduta), che è forse il luogo più emblematico della regione, e quello che attrae la maggior parte dei visitatori. Questo tour richiede dai 3 ai 4 giorni, in funzione del tempo e dell’allenamento dei partecipanti.

Lungo quell’unica via non asfaltata che conduce al mare brulicano piccoli ristorantini più o meno improvvisati che spesso hanno strutture che non sono nemmeno in muratura, ma che in generale ti possono offrire squisiti piatti di autentica cucina colombiana. Qua e là ci sono anche diversi di negozi di artigianato locale, generalmente di buona qualità.

Nelle piccole viette laterali, che come quella principale non sono asfaltate, troverai invece gli ostelli, che sono la forma di sistemazione più diffusa, e quasi l’unica possibile da trovare. Infatti, praticamente non ci sono alberghi, se non qualche ecolodge con bungalow e capanne. La scelta dipende dallo stile che hai, ma non ti preoccupare perchè più avanti ti darò qualche utile suggerimento anche da questo punto di vista.

Come ti puoi immaginare, a Palomino la vita scorre davvero molto lentamente, anche perchè non c’è molto da fare, se non goderti l’estrema tranquillità del contesto e perderti in chiacchiere qualche abitante o con i tuoi compagni di viaggio.

Soprattutto di sera, quando tutto diventa buio perchè non c’è illuminazione pubblica, e le luci dei negozi e dei ristoranti si spengono. L’unico divertimento notturno è offerto da un paio di discoteche che sono aperte fino a notte fonda, dove potrai ascoltare musica e bere qualche cocktails.

Quando piove, e non è raro che succeda, tutto si complica, perchè le strade diventano subito puro fango, ed diventa impossibile camminare senza inzupparsi completamente le scarpe o gli infradito. E, cosa ancora peggiore, senza ricevere dei sonori spruzzi d’acqua dalle ruore delle macchine e delle moto che centrano le pozzanghere a tutta velocità.

E poi, quando piove, salta quasi sempre l’elettricità in tutto il paese, quindi anche gli ostelli rimangono completamente al buio, a meno che non siano dotati di qualche generatore elettrico. Ma anche questo fa parte del bello di Palomino.

I 5 migliori alberghi dove dormire a Palomino

Come ti ho già detto, se decidi di visitare Palomino, metti in conto che gli alberghi non sono molti, e quei pochi sono generalmente di alto livello, decisamente cari, e comunque spesso al completo.

Secondo me puoi considerare anche la possibilità di dormire in un ecolodge o per una stanza privata in un ostello, soprattutto se cerchi una certa privacy. Altrimenti puoi tranquillamente scegliere un posto letto in una camera condivisa.

Qui di seguito ti suggerisco diverse strutture alberghiere che sono sicuro ti possono offrire un’ottima relazione qualità/prezzo, ma come ti ho detto valuta anche gli altri tipi di strutture.

  • Hotel Makao (3 stelle, prezzo medio 2 persone a notte: 140-150 euro, valutato degli utenti di Booking.com >9)
  • Hotel Chiniu (3 stelle, prezzo medio 2 persone a notte: 120-130 euro, valutato degli utenti di Booking.com >8)
  • Hotel Playa Mandala (3 stelle, prezzo medio 2 persone a notte: 70-80 euro, valutato degli utenti di Booking.com >8)
  • Casa Colibrì Palomino (3 stelle, prezzo medio 2 persone a notte: 50-60 euro, valutato degli utenti di Booking.com >8)
  • Cabana Las Estrellas (3 stelle, prezzo medio 2 persone a notte: 70-80 euro, valutato degli utenti di Booking.com >8)

Se preferisci fare da te, niente in contrario. In questo caso cerca direttamente facendo clic sulla mappa qui sotto indicando nel box le date che ti interessano. I prezzi che vedi sono riferiti a notte per due persone.

Booking.com

E con questo, spero tanto che tu segua il mio consiglio di visitare la bellissima Palomino, per conoscere le bellezze di questa parte del territorio del caribe colombiano, con le sue bellissime spiagge e con l’ambiente naturale dell’interno, ma anche con la sua cultura tipica e con le tradizioni che ancora oggi vengono tramandate di generazione in generazione nei villaggi indigeni dell’interno.

Così potrai conoscere anche l’affabilità della sua gente, sempre allegra e sorridente, aspetto che caratterizza la popolazione di questa stupenda parte della Colombia.

Non mi resta che augurarti buon viaggio… Cin cin, o meglio, Salud.

cin cin da Palomino
Condividi:

Ti è piaciuto l'articolo?