Uno spazio del giardino segreto della Città Proibita

Il giardino segreto della Città Proibita di Pechino apre al pubblico

Dopo più di 200 anni dalla loro costruzione, entro il 2020 apriranno finalmente al pubblico 4 stupende aree del giardino segreto di Qianlong all’interno della Città Proibita di Pechino, epicentro del potere imperiale ed inestimabile gioiello dell’architettura tradizionale cinese

4 stupende aree dello stupefacente giardino privato di Qianlong situato all’interno della Città Proibita di Pechino aprono finalmente al pubblico. Queste sono da oltre vent’anni al centro di un imponente lavoro di recupero dopo essere rimaste chiuse dal 1924, anno in cui l’ultimo imperatore della Cina è stato deposto.

Potrai visitarli entro il 2020, anni in cui si festeggiano i 600 anni di costruzione di quella che fu la magnifica residenza imperiale durante le dinastie Ming e Qing, e che è in assoluto la più importante testimonianza della cultura e dell’architettura cinese tradizionale, tanto che nel 1987 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Il giardino segreto della Città Proibita di Pechino

Questo parco è stato costruito tra il 1771 e il 1776 in previsione del ritiro dell’Imperatore di Qianlong, ed è composto da 4 stupendi giardini rocciosi al cui interno si trovano 27 tra edifici a pagode. In pratica, che doveva essere un’ulteriore Città Proibita all’interno del palazzo imperiale principale.

L’Imperatore di allora emanò un editto affinché nulla sarebbe dovuto cambiare dopo la sua morte, e così fu. Il giardino è rimasto proprio così com’era da quando è stato costruito, con i suoi preziosi intarsi sul bambù, pitture sulla seta, sculture di giada e molti altri elementi artistici in vetro del XVIII secolo.

L’opera di restauro del giardino è stata completata in diverse fasi a partire dal 2008, e finalmente sta per terminare.

Uno spazio del giardino segreto della Città Proibita
Uno spazio del giardino segreto della Città Proibita : Fonte: World Monuments Fund

Dopo l’apertura di questo spazio, che fino ad oggi è rimasto assolutamente segreto, avremo l’opportunità di ammirare ad esempio il padiglione Juanqinzhai, considerato una delle parti più impressionanti del complesso. È costituito da pannelli di bambù, pareti di seta e affreschi trompe-l’oeil, senza considerare l’incredibile architettura che lo contraddistingue.

Oggi puoi però già visitare il belvedere Fuwangge, il lodge di bamboo Zhuxiangguan e il pergolato Yucuixuan. Il restauro degli interni e degli esterni degli edifici nel primo, secondo e terzo cortile è attualmente in corso e le aree apriranno man mano che termineranno, sino alla grande inaugurazione prevista entro il prossimo anno.

Il World Monuments Fund descrive questo spazio all’interno della Città Proibita come <<uno dei luoghi più significativi e squisitamente progettati dai tempi della Cina imperiale>>. Assolutamente da visitare!

I 5 migliori alberghi dove dormire a Pechino

Per visitare la bellissima Pechino ti consigli di scegliere un albergo nel cuore del centro, vicino alla Città Proibita e all’emblematica Piazza Tienanmen. Qui troverai centinaia di alberghi, di tutti i tipi e per tutte le tasche, molti dei quali ti offrono un’ottima relazione qualità/prezzo.

Io te ne consiglio 5: il primo è quello dove ho soggiornato quando sono stato a Pechino. Te lo raccomando perchè mi ci sono trovato davvero molto bene, e perchè è vicinissimo alla Città Proibita. Mentre gli altri 4 mi sono stati suggeriti da amici fidati che li conoscono direttamente, per cui puoi fidarti!

Se quelli che ho indicato non fanno per te, puoi cercare direttamente facendo clic sulla mappa qui sotto o indicando nel box le date che ti interessano. I prezzi che vedi sono riferiti a notte per stanza per due persone.

Booking.com
Condividi:

Ti è piaciuto l'articolo?