visa-waiver-program

Visa Waiver Program: come transitare o viaggiare negli USA senza visto

Il Visa Waiver Program è un programma che, da quando nel 2009 è entrato in vigore il passaporto elettronico, consente a noi italiani e ai cittadini di molti altri paesi dell’Unione Europea e non, di viaggiare negli Stati Uniti per motivi turistici o semplicemente per transito verso un’altra destinazione finale senza la necessità di richiedere e ottenere preventivamente il visto di ingresso presso i consolati americani. Sicuramente il Visa Waiver Program è un grandissimo vantaggio, ma si devono rispettare determinate condizioni che sono abbastanza rigide

Non so se capita anche a te, ma io quando devo transitare o viaggiare negli Stati Uniti ho sempre un pò d’ansia per via norme stringenti che regolano l’ingresso e la permanenza nel paese, e per i conseguenti adempimenti necessari ad essere pienamente in regola con le normative federali sull’immigrazione.

il visa waiver program autorizzazione di ingresso senza visto negli usa

Un po’ per il reale problema delle minacce terroristiche, un po’ per le paranoie degli Stati Uniti sull’ingresso degli stranieri, viaggiare o transitare negli Stati Uniti non è semplice, e per questo puoi incappare in contrattempi inaspettati, che si traducono nel divieto di ingresso una volta arrivato al controllo da parte degli agenti dell’ufficio immigrazione, che non ci mettono tanto a negartelo senza troppe spiegazioni e a rispederti da dove sei venuto con il primo volo disponibile.

Non c’è bisogno che ti spieghi che questa è una situazione davvero sgradevole che vale la pena evitare, informandosi correttamente prima di partire, per capire se effettivamente si hanno tutte le carte in regola per poter restare o per transitare dal Paese. Perchè, comunque, anche se si atterra in aeroporto USA anche solo per un transito, bisogna passare i controlli dell’ufficio immigrazione e il controllo doganale, e ovviamente ritirare il bagaglio per poi imbarcarlo nuovamente sul volo che ti conduce verso la tua destinazione finale.

visa-waiver-program

Ho deciso di scrivere questo post sul Visa Waiver Program per chiarire le problematiche legate all’immigrazione negli Stati Uniti dopo il mio ultimo viaggio a Puerto Rico, che ha le stesse leggi dell’immigrazione e la stessa agenzia di sicurezza all’immigrazione (US Homeland Security) degli Stati Uniti, durante il quale ho seriamente rischiato di non poter entrare nel Paese, e di dover ritornare a Bogotà da dove ero partito su un volo Avianca. Pericolo che ho scampato proprio solo grazie al compassionevole aiuto di un addetto della compagnia che si è preso a cuore il mio problema.

Il Visa Waiver Program: viaggiare negli USA senza visto

Dal 12 gennaio 2009 grazie al passaporto elettronico (che si differenzia da quello tradizionale perchè ha un rettangolino in oro stampato sulla copertina), che in un chip conserva le nostre informazioni personali, compresa la scansione digitale della nostra fotografia e delle nostre impronte digitali, per un cittadino italiano così come per i cittadini di molti altri paesi, è possibile viaggiare negli Stati Uniti senza bisogno di avere un visto rilasciato dalle ambasciate o dai consolati americani, se si rispettano le condizioni previste dal Visa Waiver Program, che tradotto in italiano significa Programma di Viaggio senza Visto.

nazionalita visa-waiver program

Ovviamente non è tutto facile come sembra, perchè il viaggio negli USA senza visto aderendo al Visa Waiver Program è possibile solo per soggiorni a scopo turistico o per transiti verso altre destinazioni, mentre invece è assolutamente vietato per tutte le altre motivazioni di viaggio, inclusa la possibilità di fare corsi universitari, stages e naturalmente lo scopo lavorativo

Quando è possibile viaggiare negli USA con il Visa Waiver Program

Visto che il tema è particolarmente delicato, ti indico qui di sotto, nel dettaglio, quali sono le condizioni che devi soddisfare per poter transitare o passare un periodo di negli Stati Uniti usufruendo del Visa Waiver Program:

  • Il tuo passaporto elettronico deve essere ovviamente in corso di validità al momento dell’ingresso o del transito negli Stati Uniti, non solo, ma deve anche avere un periodo residuo di validità di quache mese, anche se non ricordo più esattamente quanti
  • Il tuo soggiorno degli Stati Uniti non deve essere in nessun caso superiore a 90 giorni, o la tua motivazione di ingresso negli USA deve essere il semplice transito, ovvero per prendere un aereo verso un’altra destinazione
  • Il tuo arrivo in un aeroporto o porto negli Stati Uniti deve avvenire attraverso un vettore (aereo o marittimo) che ha aderito al Programma
  • Già al momento dell’ingresso negli Stati Uniti devi avere un biglietto di ritorno, a meno che tu non lo compri nel momento stesso in cui metti il piede sul suolo americano. In questo caso l’acquisto deve essere fatto nell’ufficio immigrazione dove verrai fatto accomodare dagli agenti agli sportelli, perchè questi allegheranno la ricevuta alla domanda
  • Se entri in suolo americano usufruendo del Visa Waiver Program per transito, il tuo viaggio non può comunque terminare in territori contigui, e nemmeno in isole adiacenti, a meno che tu non sia residenti in questi territori
  • Prima del volo di arrivo negli USA devi aver fatto domanda e ottenuto dal Dipartimento di Immigrazione USA la Electoric System For Travel Autorization (ESTA), che è parte integrante del Visa Waiver Program.
visa-waiver program passaporto elettronico

Esclusioni alla possibilità di viaggiare negli USA con il Visa Waiver Program

Una norma introdotta nel 2015 per fronteggiare il pericolo del terrorismo stabilisce che, anche se sei in possesso di tutti questi requisiti non puoi entrare negli USA usufruendo del Visa Waiver Program se dopo il 01/03/2011 hai fatto un viaggio da/per Iran, Iraq, libia, Siria, Sudan, Somalia e Yemen. O se, pur essendo cittadino italiano, hai anche la nazionalità in uno di questi Paesi.

Quindi, anche se sei cittadino italiano ma ricadi in una di queste condizioni, devi necessariamente richiedere il visto al consolato americano.

In ogni caso, visto che le regole per i viaggi negli USA cambiano continuamente, soprattutto da quando presidente è l’eclettico Donald Trump, per essere sicuro di non avere problemi una volta arrivato negli Stati Uniti, ti consiglio di metterti in contatto con i consolati e le ambasciate degli Stati Uniti presenti in Italia prima del viaggio. Ecco i siti Internet:

Condividi:

Ti è piaciuto l'articolo?