lisbona centro storico

Un week-end a Lisbona in Portogallo per scoprire i 4 quartieri del suo centro storico

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Alfama, Baixa, Bairro Alto e Chiado, sono i quattro fantastici quartieri del centro storico di Lisbona, la vivave capitale del Portogallo, nella quale la storia e la tradizione si sposano con l’atmosfera moderna e cosmopolita delle grandi città internazionali. Per passare un fantastico week-end

Visitare Lisbona in un solo fine settimana? Ebbene si, anche se le cose da vedere sono davvero tante è decisamente possibile, ma ovviamente un pò di corsa! Io mi sono fermato solo tre giorni (dal venerdì alla domenica), durante un bellissimo viaggio in moto dal Sud al Nord del Portogallo, dopo aver visitato la Regione costiera dell’Algarve e le ventose località della Costa Vicentina, tra Sagres e Sines, e prima di arrivare alla stupenda Coimbra, famosa per il suo incredibile patrimonio storico-culturale e per ospitare una delle più antiche università europee.

In un solo week-end a Lisbona sono riuscito a visitare con calma quasi tutti i suoi quartieri più emblematici, che racchiudono molte bellezze. Ho visitato il Chiado, la Baixa, l’Alfama e il Bairro Alto.

Quello che non sono riuscito a visitare è la Mouraria, che è quello nel quale vive la gente più emarginata, e dove pare sia nato il Fado. Ma sarà una buona “scusa” per ritornare.

lisbona vicoli alfama
Gli stretti vicoli del quartiere dell’Alfama | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Che dire di Lisbona? Sicuramente ha le caratteristiche della grande città, ma mi è sembrata tranquilla, e ho percepito un’atmosfera che mi è parsa simile a quella che si può trovare a Napoli o a Marsiglia, ma per certi versi anche a Genova.

Come per Genova a volte può sembrare infatti un pò sgarruppata, soprattutto in alcune vie del centro storico strette e ombrose, molti dei quali hanno edifici vecchi e non ristrutturati. Ma ho presto capito che questo è uno dei suoi pregi.

Sicuramente è una città molto cosmopolita (e non solo per via del turismo), che ha però saputo mantenere intatta la sua forte identità, sia dal punto di vista urbanistico che da quello culturale.

lisbona rotaie tram
Le rotaie dei tram che sale al Bairro Alto | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Il centro storico è quasi totalmente in salita, quindi per visitarla bisogna preparasi a delle belle scarpinate, anche se alcune volte è possibile scegliere delle alternative per affrontare le ripide salite, come gli ascensori pubblici, i celebri tram o le teleferiche che sferragliano sui binari attraverso vicoli strettissimi.

Ho scoperto che i tram e le teleferiche sono così caratteristici che sono diventate delle vere e proprie attrazioni, le cose più fotografate dalle miglia di turisti che visitano la città, sicuramente più che le molte chiese, monumenti e musei. E io non sono stato da meno.

Io ho alloggiato nella vicina città di Almada, sull’altra sponda del fiume Tejo, perchè quando ci sono stato a Lisbona mi è stato impossibile trovare un alloggio a un prezzo decente, a causa di una serie di congressi che si stavano svolgendo proprio in quei giorni.

Ma il problema si è trasformato in opportunità perchè ad Almada gli alloggi, pur essendo di qualità, sono molto più economici e se arrivate in macchina o in moto potete trovare facilmente parcheggi liberi, cosa praticamente impossibile in città, un’ottima opzione per passare un bel week-end a Lisbona.

E poi arrivate nel centro storico di Lisbona da Almada è davvero molto comodo grazie ai ferry di linea che collegano le due città, con corse davvero molto ravvicinate (una ogni venti minuti fino a tarda notte).

Da Almada i ferry arrivano al molo di Cais do Sodré, che è vicinissimo al quartiere dell’Alfama, uno dei cinque quartieri del centro storico di Lisbona, insieme alla Baixa, alla Mouraria, al Bairro Alto e al Chiado.

lisbona ponte 25 aprile
Il Ponte 25 Aprile | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Se volete andare in moto o in macchina dovrete attraversare il lungo Ponte 25 de Abril (Ponte 25 Aprile), che assomiglia molto a quello di Brooklin, a New York. E prima di prenderlo noterete che sulla destra si scorge la statua del Cristo-Rei (Cristo Re), che è ispirata alla statua del Cristo Redentore che si trova a Rio de Janeiro, in Brasile.

Ed ecco a voi i quattro splendidi quartieri del centro storico, un must per un week-end a Lisbona.

L’alfama

È il quartiere più antico di Lisbona, e si nota! Prima di tutto perchè ha mantenuto l’architettura spontanea con le quali la città era cresciuta all’interno delle mura antiche durante la dominazione araba (e lo si capisce facilmente dal nome). Poco più che un villaggio abitato da gente povera, in prevalenza pescatori.

E le sue connotazioni di quartiere storico perdurano anche adesso. Vicoli molti stretti che impediscono alla luce di entrare nelle vechie case addossate l’una all’altra, con i vecchi proprietari che proprio per la scarsa illuminazione mantengono l’abitudine di sedersi sui gradini sconnessi delle altrettanto sconnesse porte di ingresso per chiacchierare tra di loro.

Ma spesso i gradini vengono occupati anche dagli artisti di strada, come palcoscenico improvvisato per esibirsi. È anche il quartiere più turistico. Il mio week-end a Lisbona è partito proprio da qui.

lisbona artista di strada
Un artista di strada si esibisce sui gradini di una casa nel quartiere della Alfama | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona tram
Uno dei caratteristici tram gialli sferragliano tra i vicoli della Alfama | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona conducente tram
Il tram mentre risale i ripidi vicoli del quartiere della Alfama | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Il quartiere è delimitato dal fiume Tajo nella parte bassa e dal Castello di São Jorge (San Giorgio) nella parte alta. Oserei dire decisamente alta, perchè per arrivarci è una ripida salita continua che se siete abbastanza temerari potete fare a piedi, oppure scegliere di prendere il tram 28.

Io per salire ho optato per il tram, e devo dire che la breve salita è stata davvero divertente. L’unica cosa a cui bisogna stare davvero attenti è quella di aggrapparsi molto bene ai sostegni per non finire per terra o addosso a qualche altro passeggero, ma anche di sporgere la testa fuori dal finestrino per ammirare la strada, perchè lo spazio tra il tram e i muri delle case è davvero minimo, e ad ogni curva sembra di sbattere la testa.

Nella salita è facile notare la moltitudine di monumenti storici, ma anche i moltissimi bar e ristoranti, che spesso di sera offrono interessanti spettacoli di fado, lo stile musicale tipico del Portogallo.

lisbona castello di sao jorge
Il bellissimo Castello de Sao Jorge sulla sommità del quartiere della Alfama | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona miradouro das portas do sol
Vista dell’Alfama dal Miradouro das Portas do Sol | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona miradouro de santa luiza
Vista dell’Alfama dal Miradouro de Santa Luiza | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Guardando in alto in direzione della sommità della collina si nota l’attrazione più importante dell’Alfama, e probabilmente la più importante dell’intera città: di Castello di São Jorge (San Giorgio), che fino al Secolo XVI era residenza reale, e sicuramente punto dal quale si può godere della migliore vista del centro storico di Lisbona.

Impressionante è anche il parco che lo ospita, e che devo dire la verità mi è piaciuto anche di più del castello in se stesso.

Anche se durante la salita si possono incontrare molti altri belvedere (miradouros), che mostrano l’Alfama in tutta la sua bellezza i due che non vi dovete perdere per nessuna ragione sono il Miradouro das Portas do Sol (Belvedere Porte del Sole), e il Miradouro de Santa Luzia (Belvedere di Santa Lucia), che sono molto vicini tra loro, e offrono una vista leggermente differente soprattutto della parte bassa del quartiere.

Wow, che spettacolo. Scendendo dal castello ho curiosato qua e la e mi sono reso conto che nell’Alfama c’è un’impressionante concentrazione di chiese, inclusa la Cattedrale di Lisbona, che è la più antica della città, e il Convento da Graça che sorge vicinissimo al castello.

La Baixa

Il nome lo dice chiaramente: è la parte più bassa di Lisbona, e più precisamente è quella porzione del centro storico che dal fiume Tejo arriva al quartiere dell’Alfama e al Bairro Alto. E mi è bastata una breve passeggiata durante il mio week-end a LIsbona per capire che è anche la parte più elegante della città.

lisbona piazza del commercio
Piazza del Commercio e Arco di Rua Augusta nella Baixa | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona arco rua augusta
Arco della Rua Augusta | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Il suo fulcro è la bella Praça do Comércio (Piazza del Commercio), perfettamente quadrata, che pare essere una delle piazze in assoluto più grandi del mondo.

Mi sono impalato diversi minuti per ammirarla in tutta la sua maestosità, e per capire chi fosse il personaggio rappresentato nella grande statua al centro, che poi ho scoperto essere Dom José I (Giuseppe I), importante re del Portogallo e dell’Algarve durante il Secolo XVIII. La piazza è così grande che addirittura non riuscivo a vedere cosa c’era dall’altro lato.

Bellissimo è anche l’Arco della Rua Augusta, che poi è l’Arco di Trionfo di Lisbona, e che da ovviamente inizio all’omonima Rua Augusta, forse la via più ricca ed elegante della città, incantevole soprattutto per il suo pavimento a mosaico.

Devo dire che è decisamente più bello dell’Arc de Triomf di Barcelona. Ma non ditelo ai catalani, potrebbero offendersi.

lisbona casa pereira
Casa Pereira, uno dei locali più storici di Lisbona | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Se siete golosi come me questo è il quartiere che fa per voi: tra queste vie si trovano anche alcune pasticcerie storiche di Lisbona, tra le quali vi consiglio di visitare la Casa Pereira da Conceição e São Nicolau Cafeteria. Per me non c’è niente di meglio che assaporare ricche golosità tipiche che sanno anche di storia.

lisbona rossio
Il celebre Rossio | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Quasi alla fine della Rua Augusta c’è un luogo davvero molto amato sia dagli abitanti di Lisbona che dai turisti, il Rossio. Che in fondo è solo una piazza, ma ha un incanto particolare, anche se sinceramente non so spiegare a parole il perchè.

In fondo è solo e semplicemente una questione di sensazione. Ma attenzione: se cercate su una cartina il Rossio non lo troverete, infatti il nome della piazza è Praca Dom Pedro IV, e il nome Rossio significa “Grande Piazza”. 

lisbona elevador de Santa Justa
L’ascensore di Santa Justa | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Quasi alla fine della Rua Augusta, prima di arrivare al Rossio, c’è un ascensore che si chiama Elevador de Santa Justa, che porta alle rovine della Chiesa del Carmo, collegando contemporaneamente il quartiere della Baixa con la parte alta della città attraverso una specie di ponte sospeso.

Non preoccupatevi di avere difficoltà a trovarlo, perchè vi basterà osservare la fila di gente che aspetta di prenderlo per salire. Dall’alto si ha una bellissima panoramica della città, per cui non potete perdervelo.

Il Chiado

A pochi passi dalla Baixa incomincia il Chiado, il terzo quartiere del centro storico di Lisbona, che indubbiamente deve la sua fama alla presenza dei negozi più eleganti, ma anche perchè ospita il teatro di Lisbona, oltre a caffetterie storiche, tra le quali la più importante è sicuramente A Brasileira.

In questo luogo il celebre scrittore e poeta Pessoa amava passare le sue giornate. Ed è proprio per questa grande affezione che gli è stata dedicata una bella statua in bronzo che lo ritrae seduto ad un tavolino dello storico locale intento a scrivere e a leggere.

lisbona a brasileira
Facciata della A Brasileira storica caffetteria nel Chiado | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona pessoa
La statua del celebre poeta Pessoa alla caffetteria A Brasileira | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Il ponte sospeso che si trova all’arrivo dell’Elevador de Santa Justa collega proprio la Baixa con il quartiere del Chiado, e da li è d’obbligo una visita alle rovine del Convento do Carmo, alle quali gli abitanti di Lisbona sono particolarmente affezzionati perchè testimoniano la distruzione che la città ha vissuto a causa del terremoto del 1755.

Qui è anche il posto ideale per rilassarsi, perchè nei dintorni ci sono davvero tante piccole piazze, tutte incantevoli, dove si esibiscono in continuazione molti artisti di strada.

Il Bairro Alto

Una volta nel Chiado ci sono due modi per raggiungere il Bairro Alto, il quarto quartiere del centro storico di Lisbona: o salite a piedi dirigendovi a nord del Largo de Camões, o fate come me che ho preso la funicolare “Elevador da Gloria” da Praça Restauradores e che raggiunge in pochi minuti il punto panoramico del Jardim de São Pedro de Alcântara, dal quale potrete avere un’altra stupenda vista della città.

Peccato che quando ci sono stato io stavano rifacendo i giardini ed era tutto transennato, motivo per il quale non sono riuscito a scattare fotografie degne di essere postate.

lisbona piazza restauradores
La centralissima Piazza de Restauradores | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona funicolare
La funicolare prima di partire per salire al Bairro Alto | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Devo dire la verità: quando sono salito al Bairro Alto di giorno sono rimasto davvero molto deluso, perchè a mio avviso è quello che ha meno attrattive tra i quartieri del centro storico, e mi è sembrato addirittura noioso e molto trascurato, soprattutto per la presenza di numerosi graffiti.

Ma ci sono ritornato di notte perchè ero curioso di vederlo con un’altra luce, e la sorpresa è stata grandissima. Tutti i piccoli locali che di giorno sono chiusi aprono, e li troverete pieni di persone che chiacchierano sorseggiando un drink.

lisbona movida notturna
La movida notturna per le strade del Bairro Alto | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
lisbona spettacolo fado
Spettacolo di Fado in un locale del Bairro Alto | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

E sono molti quelli nei quali si può ascoltare un’esibizione di fado, il malinconico canto portoghese. In poche parole ho trovato davvero un’atmosfera molto trendy. La stessa che ho trovato anche nella zona di Cais de Sodré, nelle prossimità della stazione dei ferry.

In questa zona si trova anche il Mercado Da Ribeira, che è un grande mercato coperto e che, dopo un’unica entrata, si divide in due. Sulla destra un mercato tradizionale, con banchi di frutta e verdura a fianco ai bachi di pesce.

Sulla sinistra il modernissimo Time Out Market, dove si trovano molti chioschi adibiti a vinerie o a ristoranti specializzati nella preparazione di ottimi piatti gourmet di tendenza, che possono essere consumati sui tavoli al centro dell’ambiente, rigorosamente da condividere con gli altri visitatori. Ottimo per pranzare, per rilassarsi, ma anche per socializzare. Sicuramente da non perdere!

Insomma, questa è la “mia Lisbona”. Ci sono appena stato, e già ho voglia di tornare. Ma sono sicuro che ci rivedremo presto.

 

Rispondi