centro storico di toledo

Toledo in un giorno: un’ottima opzione per una gita nei dintorni da Madrid

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Conosciuta anche come “Città delle tre culture” e Patrimonio dell’Umanità UNESCO, Toledo è un’ottima opzione per una gita di un giorno se state visitando Madrid e avete voglia di conoscere i suoi dintorni. In pochi chilometri quadrati sono concentrati preziosi monumenti che raccontano la storia della dominazione musulmana, cristiana e della cultura ebraica. 

Toledo è una bellissima città della Spagna centrale, che si trova nella parte nord-occidentale della regione di Castiglia-La Mancha, a soli 70 chilometri dalla capitale spagnola Madrid.

Soprattutto se state a Madrid qualche giorno, vi consiglio vivamente di dedicarne uno alla visita di questa splendida città. Un giorno basta per vedere i monumenti più importanti, anche perchè arrivarci è molto veloce, facile ed economico. Potete andarci in treno partendo dalla stazione di Atocha, e in 25 minuti sarete già la, oppure potete prendere uno degli autobus diretti che partono praticamente ogni 30 minuti dal terminal degli autobus all’interno della stazione metro Plaza Elíptica sulla linea 6 (Circular). Con l’autobus diretto ci metterete 50 minuti e l’andata e il ritorno in giornata vi costerà circa 10 euro, in treno qualche euro in più.

centro storico di toledo
Panorama del centro storico di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

Toledo ha un’incredibile importanza storico-culturale, tanto che è chiamata “città delle tre culture”, perchè ha visto l’alternanza nel tempo della dominazione cristina e di quella musulmana, e la presenza in entrambe le epoche della comunità ebraica, che però i cristiani a un certo punto hanno cacciato. Questa alternanza si riflette in modo chiaro sul suo patrimonio storico-monumentale, la cui importanza è stata riconosciuta anche dall’UNESCO che nel 1986 ha dichiarato il suo centro storico Patrimonio Mondiale dell’Umanità, anche perchè mantiene integro il suo tracciato medioevale.

vie centro storico toledo
Le vie del centro storico di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

Infatti fare una passeggiata per le tortuose viuzze del centro storico è come fare un salto indietro nel tempo, in un’altra epoca…oltre agli edifici che hanno mantenuto quasi tutti richiami all’architettura tradizionale, anche i negozi sembrano quelli del passato. Abbondano quelli che vendono armi, soprattutto spade e coltelli, infatti a Toledo ci sono ancora molti artigiani che li producono nei laboratori, secondo l’arte che si tramandano da padre in figlio, generazione dopo generazione. Un’atra produzione tipica del luogo sono i dolci in marzapane, davvero squisiti, e i più buoni sono quelli prodotti dalle suore dei conventi di Toledo. E poi gli ottimi salumi.

marzapane di toledo
Il marzapane prodotto tipico di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo
produzione armi toledo
La produzione di armi di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

Il punto di riferimento per cominciare la visita della del centro storico è Piazza Zocodover, la piazza principale, dove c’è anche l’ufficio del turismo, dove vi daranno una mappa e tutte le informazioni utili per la visita. Per arrivare qui dalla stazione ferroviaria o dal terminal degli autobus dovete potete prendere un autobus, usare le scale mobili o fare una passeggiata a piedi. Come avrete intuito e come è facile immaginare essendo Toledo una città medioevale, il suo centro storico si trova arroccato su un’altura. Ma quali sono i monumenti che vi consiglio di visitare nella visita di un giorno?

1. Cattedrale di Toledo. Sicuramente è il monumento più imponente e spettacolare della città, e se visitate Toledo non potete non dedicargli il tempo che si merita…non meno di un paio d’ore per scoprirla con una certa calma. La Cattedrale è stata eretta sulle fondamenta di un’antica moschea musulmana, ed oggi rappresenta una delle testimonianze più emblematiche dello stile gotico in Spagna. Le dimensioni sono davvero impressionanti. La sua pianta è infatti lunga 120 metri e larga 59. Il deambulatorio ha 15 cappelle, mentre il tetto è sostenuto da ben 88 colonne, e le vetrate policrome sono davvero stupende. L’elemento che mi è rimasto in assoluto più impresso è la pala d’altare della cappella maggiore, che ha cinque corpi, e contiene scene del Nuovo Testamento. Queste sono rappresentate da sculture policrome a grandezza naturale. Il mastodontico coro è considerato in assoluto il più importante della cristianità. Splendida è anche la Cappella di Santiago, realizzata in fiammeggiante stile gotico. Nella sagrestia maggiore si possono ammirare i lavori de El Greco e di Luca Giordano.

cattedrale di toledo
La Cattedrale di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo
sacrestia cattedrale toledo
La Sacrestia Maggiore della Cattedrale di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

2.Alcázar e Museo dell’Esercito. Bellissimo esempio di architettura militare e primo a pianta quadrata con torri sugli angoli, l’Alcázar di Toledo risale all’epoca romana. Abbellito e modificato durante i secoli dai diversi sovrani, le facciate sono realizzate in stile rinascimentale, i torrioni e la struttura difensiva è merlata. Oggi accoglie gli uffici dell’Esercito e il Museo dell’Esercito. In tempi moderni l’Alcázar di Toledo era sede dell’accademia militare per gli allievi ufficiali dell’esercito regolare, ed è famoso perchè fu teatro di una sanguinosa battaglia durante la guerra civile spagnola, nella quale molti militari si schierarono con gli insorti franchisti. Sicuramente niente a che vedere con la bellezza dell’Alcázar de los Reyes Cristianos di Córdoba, con l’Alcázar di Sevilla e con l’Alcázar di Jerez de la Frontera, ma merita sicuramente di essere visto durante una passeggiata a Toledo.

alcazar di toledo
Alcazar e Museo dell’Esercito di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

3.Chiesa di Sao Tomé. Se avevate in mente di tralasciare la visita di questa chiesa, sicuramente cambierete idea sapendo che all’interno è conservato “La sepoltura del Conte di Orgaz”, uno dei dipinti più importanti de El Greco, omaggio al Conte di Orgaz che la fece ricostruire agli inizi del Secolo XIV, anche se risale al Secolo XII. C’è un altro valido motivo per visitarla: la torre è una delle più importanti testimonianze di stile mudéjar di Toledo.

chiesa sao tome toledo
La Chiesa di Sao Tomé di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

4.Mezquita del Cristo de la Luz. In italiano “Moschea del Cristo della luce”, è l’unica moschea delle dieci presenti nella città ancora esistente, ed si è mantenuta praticamente uguale a com’era durante la dominazione dei mori. All’epoca era conosciuta come Mezquita Bab-al-Mardum, nome che deriva dall’omonima porta cittadina. La moschea si trova nella Medina, l’area della città nella quale vivevano i ricchi musulmani.

mezquita cristo de la luz toledo
Moschea del Cristo della Luce (Mezquita del Cristo de la Luz) | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

5.Sinagoga de Santa María la Blanca. Questa piccola sinagoga mi è piaciuta davvero tanto, anche se il suo valore è più simbolico che materiale. È costituita da cinque navate con pilastri ottagonali che fungono da supporto a stupendi archi a ferro di cavallo e adorati con capitelli lavorati a stucco. L’origine risale al periodo musulmano, e si suppone che originariamente fosse più lunga, e non si sa dove fosse la galleria riservata alle donne.

sinagoga santa maria la blanca toledo
Sinagoga di Santa Maria la Blanca | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

6.Sinagoga del Tránsito. Nel 1492, con la cacciata degli ebrei da Toledo, divenne chiesa cristiana del Tránsito. Il suo nome deriva dal dipinto di Correa de Vivar, che raffigura l’Assunzione (o Transito) della Vergine. Quello che mi ha colpito di più è la ricca decorazione della nicchia usata per la conservazione dei rotoli della legge. Mi sono sembrate molto ben conservate anche le iscrizioni in ebraico dei salmi di Davide sulle pareti.

sinagoga del transito toledo
Sinagoga del Transito | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

Avrete sicuramente modo di affacciarvi a uno dei diversi belvedere che punteggiano il centro storico e da ognuno avrete una magnifica vista dei dintorni, inclusi i due punti della città.

Il primo è il Ponte di Alcántara, di origine romana, che si trova proprio al di sotto dell’Alcàzar, e precisamente dove il fiume Tago si restringe. Arrivò praticamente intatto all’epoca della dominazione degli arabi, che lo fortificarono con una imponente cinta muraria e due grandi torrioni in corrispondenza degli ingressi. Dopo un’ulteriore ristrutturazione in epoca moderna poco molto rimane della sua origine romana e delle modifiche militari fatte dagli arabi. Comunque ancora oggi è davvero bello, soprattutto se visto dall’alto.

ponte di alcantara toledo
Ponte di Alcantara di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

L’altro è il Ponte di San Martino, che in passato aveva uno scopo puramente commerciale, infatti era stato costruito per collegare Toledo con l’Estremadura da cui arrivava la pietra di granito utilizzata per le costruzioni e il carbone. Racconta la leggenda che l’architetto incaricato della costruzione del ponte, al momento di concludere l’opera, si accorse che non avrebbe retto il peso dei carri di pietra che avrebbe dovuto sopportare, e le alternative che considerò erano solo due: o continuarlo come se niente fosse correndo il rischio di un cedimento strutturale, o distruggerlo e rifare la costruzione, ma in entrambi i casi si sarebbe di sicuro giocato la faccia.

Raccontò la sua preoccupazione alla moglie che di nascosto, una notte, si arrampicò sul ponte incendiando la centina, provocando un danno che risultò del tutto accidentale, permettendo al marito di rifare i calcoli per costruire un ponte più solido. Questa è un’altra prova che le donne hanno sempre una marcia in più… 🙂

ponte san martin toledo
Ponte di San Martín di Toledo | Fonte: Ayuntamiento de Toledo

Non mi resta che augurarvi una splendida visita a Toledo, anche solo dalla mattina alla sera!!!

Rispondi