costa azzurra

La prima Costa Azzurra, da Mentone a Nizza. Eleganza e natura a due passi dall’Italia

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Avete voglia di assaggiare la costa della Francia? Potete partire dalla parte iniziale della Costa Azzurra, appena superato il confine con Ventimiglia in Liguria, e dedicare anche solo tre giorni alla scoperta dello splendido territorio tra l’aristocratica Mentone, la cosmopolita e frizzante Nizza e minuscole località, tutte incantevoli e suggestive. Un percorso che si snoda in un territorio con una rigogliosa vegetazione marittima, mare blu intenso e panorami davvero emozionanti.  

Una volta arrivato a Ventimiglia, la città più occidentale della Liguria, sei ormai pronto per entrare in un’altro mondo: quello della Francia, e più precisamente della Costa Azzurra.

Io ho visitato in moto la prima parte, dalla stupenda Mentone (Menton), fino a Nizza (Nice), passando per il Principato di Monaco e per le minuscole e splendide località che si trovano su questa porzione di costa, che è davvero molto differente dalle altre, soprattutto da quella del Nord, della Bretagna e Normandia.

Un giro che ti consiglio e che puoi fare benissimo in tre giorni, passando da una località all’altra senza prendere mai l’autostrada. Perchè anche solo il panorama dalla strada merita il viaggio in questa prima parte di Costa Azzurra. E poi stiamo parlando di circa trenta chilometri.

costa azzurra
Un assaggio di Costa Azzurra | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Stai attento alle indicazioni stradali perchè in Francia le autostrade sono contrassegnate da cartello blu, mentre le strade non a pedaggio da cartello verde. Il contrario dell’Italia insomma. Quindi i cartelli verdi sono quelli che devi seguire per goderti questo viaggio. I cartelli blu hanno spesso la scritta “Péage”, che chiarisce che il percorso prevede il pagamento di pedaggi.

Il confine di Stato francese dista pochissimi chilometri da Ventimiglia. E il percorso è una bella strada panoramica in mezzo al verde che caratterizza la vegetazione marittima e che fa intravedere dall’alto la meravigliosa costa che troverai appena superata la frontiera. L’azzurro intenso del mare, che da il nome alla Costa Azzurra.

Arrivato a Ventimiglia segui le indicazioni per “Confine di Stato”, passerai da una piccola località che si chiama Latte. Appena superata troverai un incrocio che ti indica “Francia”, e la strada in discesa verso sinistra. Puoi prendere quella e arrivare al posto di frontiera di San Ludovico, il più vicino. Una volta superata entrerai immediatamente a Mentone, la prima bellissima località della Costa Azzurra.

mentone costa azzurra
Una panoramica del centro storico di Mentone, vista appena dopo la frontiera | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Ma se vuoi ammirare lo splendido panorama e assaggiare lo splendore di Mentone dall’alto, allo stesso incrocio prendi la strada verso destra in direzione Mortola Inferiore, e incomincerai a salire. Dopo, segui per Grimaldi, e ti ritroverai in questa bella località, proprio sulla sommità della collina. Dalla quale avrai una stupenda vista. Scendendo entrerai in Francia dall’altra frontiera, più interna, che ti porterà direttamente al centro.

Ti parlerò delle diverse località che meritano di essere viste, in singoli post, qui ti voglio raccontare solo il percorso che ho fatto.

Dopo aver visitato Mentone, percorri tutto il lungomare in direzione di Monaco-Montecarlo, sempre seguendo la costa. Non ti puoi sbagliare, perchè è un percorso obbligato.

Passerai dalla bella località di Roquebrun-Cap-Martin, che si trova sull’altura, dove noterai gli ingressi delle grandi ville con giardini totalmente recintati. Roba da ricchi insomma.

roquebrune-cap-martin costa azzurra
Il centro storico di Roquebrune-Cap-Martin | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Ma il vero lusso è il panorama che si vede, e che sicuramente avrai il tempo di ammirare anche se guidi perchè purtroppo è una strada sempre molto trafficata, quindi sarai spesso in coda. Che si intensifica man mano che ci si avvicina al Principato di Monaco. Difficile scendere dalla macchina in questo tratto di strada per fare fotografie perchè lungo la carreggiata non ci sono spazi per la sosta.

Se non hai mai visto il Principato di Monaco (che con San Marino e Andorra è uno dei tre più piccoli paesi dell’Europa) entraci e dagli un’occhiata, ma preparati al delirio di traffico. E non sperare nemmeno lontanamente di trovare un parcheggio libero sulla strada. Ne gratuito ne a pagamento. Devi per forza mettere la macchina in un parcheggio sotterraneo, e prepararti a pagare una piccola fortuna per la sosta. Se invece viaggi in moto le cose sono ovviamente più semplici. E un buco dove parcheggiare gratis lo troverai, prima o poi 🙂

A posteriori io non ci andrei nemmeno, perchè come ti spiegherò nell’articolo che voglio dedicargli non mi è piaciuto per nulla, e puoi utilizzare il tempo risparmiato per vedere gli altri posti, decisamente più belli e caratteristici. Se dai retta al mio consiglio segui direttamente le indicazioni per “Nizza” sui cartelli verdi.

eza costa azzurra
Un dettaglio del borgo storico di Eza | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Dopo qualche tunnel che porta fuori dal Principato incomincia nuovamente la strada panoramica fitta di curve e di salite che si alternano a discese, e che ti conducono alla bella località di Eza, dove troverai un piccolo borgo storico con un castello medioevale completamente restaurato. Dedica un paio d’ore alla visita e poi riparti in direzione Nizza, sempre sulla stessa panoramica.

Avrai il mare sulla sinistra, quindi nel senso contrario di marcia, per cui ti sarà un pò difficile fermarti nei diversi belvedere lungo la strada per ammirare Nizza dall’alto. Ma ti consiglio di non perderti il panorama, anche a costo di arrivare ad un punto dove potrai cambiare il senso di marcia e ritornare indietro per qualche chilometro.

Ti consiglio di fermarti anche a vedere la bella località di Villafranca Marittima (Villefranche-Sur-Mer) e di raggiungere Saint-Jean-Cap-Ferrat, un’emozionante punta a picco sul mare.

villefranche-sur-mer costa azzurra
Vista di Villefranche-Sur-Mer dalla strada panoramica | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Per farti un’idea di Nizza devi dedicare alla visita almeno una giornata e mezzo, perchè le cose da vedere sono davvero tante. E un’altra giornata a Mentone, anche se questa è molto più piccola. Ma vedrai che ti verrà voglia di stare un pò in spiaggia e di fare il bagno. Anche a Nizza c’è una splendida spiaggia cittadina, che oltretutto è libera.

nizza costa azzurra
Il lungomare di Nizza | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Puoi abbinare questo viaggio con la visita di alcune belle destinazioni della Liguria, ad esempio le splendide Cinque Terre o Portofino, nell’estremo Levante ligure, ma anche i borghi dell’entroterra che da Levante a Ponente sono davvero stupendi.

Oppure proseguire verso le altre località francesi della Costa Azzurra, come Antibes, Juan Les Pins, Cannes, Saint Raphael, tanto per darti qualche riferimento. Tutto dipende dal tempo che hai e dal tuo budget.

E sì, perchè la Costa Azzurra non è per nulla a buon mercato, soprattutto per pranzare. Ma ti assicuro che sono soldi davvero ben spesi.

Rispondi