algarve spiaggia falesia albufeira

Algarve in Portogallo: spiagge bellissime, scogliere imponenti, panorami mozzafiato e ottimo cibo

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Tavira, Faro, Estoi, Albufeira, Lagos, Luz e Sagres: sette splendide località nella regione dell’Algarve, nel sud del Portogallo. Tra bellissime spiagge di sabbia fine e brillante, scogliere imponenti a picco sul mare, panorami mozzafiato, e ottimi piatti di pesce freschissimo. Tutti gli ingredienti necessari per una vacanza indimenticabile

L’Algarve è la regione più meriodionale del Portogallo, un assoluto “must” se volte conoscere le località più autentiche del Paese, molte delle quali villaggi di pescatori che con il tempo hanno mantenuto la loro splendida semplicità anche se si sono aperte al turismo, il mare di un blu intenso spesso molto mosso a causa dei forti venti, spiagge di sabbia fine quasi circondate da scogliere imponenti (pare che siano addirittura 88 le spiagge che quest’anno hanno ottenuto il distintivo Bandiera Blu, che ne certifica la sostenibilità ambientale) e ottimi piatti, ovviamente a base di pesce freschissimo. E in Algarve c’è una luce davvero particolare, tutto l’anno.

Le falesie della costa del Portogallo mi sono sembrate molto simili a quelle che ho trovato qualche anno fa durante un viaggio in Normandia. Davvero spettacolari.

Senza dimenticare l’importanza del patrimonio storico-culturale: antiche rocche, chiese, castelli e palazzi sparsi un pò ovunque, quasi tutti perfettamente conservati, che rappresentano un interessante complemento alla vacanza sole e mare.

Io ho visitato l’Algarve in moto a inizio settembre da Sevilla, la capitale dell’Andalucía in Spagna, e il clima era davvero incantevole, con una certa escursione termica tra il giorno e la notte. Giornate calde (ma non troppo) e serate fresche, il mix che adoro.

Non ho visitato solo l’Algarve, ma ho fatto un viaggio dal Sud al Nord del Portogallo, costeggiando la costa occidentale nell’Alentejo, regione che regala le spiagge in assoluto più belle Portogallo.

Tavira

algarve tavira
Il bellissimo centro storico di Tavira, antico borgo di pescatori | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Tavira è un’autentica bomboniera, a pochissimi chilometri dal confine spagnolo, la porta di ingresso nella regione dell’Algarve. La parte da visitare assolutamente è quella del centro storico, che si affaccia sul fiume Gilão, attraversato da un bellissimo ponte (Ponte Velha) che probabilmente è di origine romana, e che collega le due sponde della città. Davvero molto bello, ma nulla in confronto al bellissimo Ponte di Tiberio, il mastodontico ponte romano di Rimini.

algarve ponte romano tavira
Il prezioso ponte romano di Tavira, che collega le due parti del centro storico | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Questo è l’originario villaggio dei pescatori, che in parte è rimasto quello che era, ma anche la parte riqualificata ha mantenuto il suo carattere autentico. Gli edifici sono praticamente tutti rigorosamente bassi e bianchi, in tipico stile portoghese. Dopo una passeggiata per la parte bassa del centro storico ho fatto quattro passi per quella alta, e non per modo di dire, visto che è decisamente in salita.

algarve vicoli tavira
Uno dei suggestivi vicoli di Tavira | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve castello di tavira
Le mura dell’antico Castello di Tavira | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Quindi dovete essere pronti a una bella scarpinata, ma ne vale la pena. Tra le diverse chiese e altri edifici, quello che mi è piaciuto di più è stato il Castello di Tavira di origine fenicia, con le sue imponenti mura, che insieme al castello si ricostruirono durante il periodo arabo, e che offre anche una bella vista della città, e solo per questo merita una visita.

Faro

Faro è la località più grande dell’Algarve, ma comunque rimane una piccola cittadina. Sinceramente mi aspettavo di trovare qualcosa di più. Infatti, al di la del piccolo centro storico arroccato e di un porto carino, non ricordo cose che mi hanno colpito particolarmente.

Soprattutto, quello che mi ha colpito negativamente, è la poca vitalità che ho percepito nella città; sarà stato un caso ma già dalle prime ore del pomeriggio il centro storico era praticamente deserto, ed è una cosa molto strana perchè, ammesso e non concesso che non ci fossero stati molti turisti quel giorno, almeno gli abitanti avrebbero dovuto vedersi.

Anche i diversi ristoranti (pochi a dire la verità), erano praticamente semi deserti, e l’ufficio del turismo era già chiuso. Sto parlando di un martedì di piena estate alle 4 del pomeriggio.

algarve faro
Le vie del centro storico di Faro | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve vie di faro
Le vie in salita del centro storico di Faro | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Parlando dell’aspetto estetico del centro storico, invece nulla da dire. Essendo arroccato su di una piccola altura si deve percorrere una delle vie in salita che lo raggiungono, tutte circondate da edifici ovviamente completamente bianchi, come è tradizione da queste parti.

Io ho fatto quella che parte dall’Arco da Vila e la sensazione che ho avuto percorrendo questa strada è stata di una certa durezza, austerità architettonica, se vogliamo dirla così.

algarve cattedrale di faro
La Cattedrale di Faro nel pieno del centro storico | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve faro cicogne
Una cicogna sulla Torre dell’Orologio della Cattedrale di Faro | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Giunto alla sommità ho avuto una bella sorpresa, che ha ricompensato lo sforzo fatto; sto parlando della piazza centrale di Faro dove lo spazio è quasi del tutto occupato dalla Igreja de Sé (la Cattedrale della città), un bell’edificio costruito dopo la riconquista della città di Faro agli arabi nel 1249 nello stesso luogo dove originariamente si trovava un tempio romano e poi una moschea musulmana.

Infatti è un miscuglio di stili differenti, con il gotico che però prevale nettamente. Sono salito fino alla Torre dell’Orologio dove nidificano le cicogne, e da dove si può godere di una spettacolare vista della città.

algarve giardini manuel bivar faro
I Giardini Manuel Bivar (Jardim Manuel Bivar) a Faro | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve porto di faro
Il piccolo porto di Faro | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Non lontano dal centro storico ho vistato anche i graziosi Giardini Manuel Bivar, dove si da appuntamento la gente del posto, per rlassarsi e scambiare quattro chiacchiere, e a poca distanza c’è il piccolo porto.

E adesso una piccola curiosità. Vicino a Faro sorge il Cabo de Santa Maria, che è il punto in assoluto più a Sud di tutto il Portogallo. Un giro è obbligatorio, soprattutto se anche voi decidete di visitare l’Algarve in moto. E infatti io non me lo sono perso!

algarve cabo de santa maria
Il faro del Cabo de Santa Maria in Algarve | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Estoi

A pochissima distanza di Faro ho visitato anche la piccola località di Estoi, che è conosciuta “soprattutto”, o per meglio dire “quasi esclusivamente” per il suo palazzo, di colore rosa.

Ed è per questo che si chiama Palazzo Rosa, e rappresenta la più importante testimonianza di architettura Rococò di tutta l’Algarve. Bellissimo l’esterno, incredibile l’interno, per la raffinatezza delle sue decorazioni e per il valore storico-culturale degli arredi, tanto che è diventato un albergo di charme, comunque ancora parzialmente visitabile.

Anche i giardini in stile francesce sono davvero belli. Qualche foto valgono più di mille parole.

algarve palazzo rosa estoi
Il bellissimo Palazzo Rosa di Estoi | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve azulejos palazzo rosa
Gli azulejos che decorano la parte inferiore del Palazzo Rosa di Estoi | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve scalinata palazzo rosa
La bellissima scalinata del Palazzo Rosa di Estoi decorata con azulejos | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve scalinata palazzo estoi
Le bellissime decorazioni della scalinata del Palazzo Rosa di Estoi | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve giardini del palazzo rosa
Un prezioso dettaglio dei giardini in stile francese del Palazzo Rosa di Estoi | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Albufeira

Viaggiando verso ovest in Algarve, dopo Estoi ho visitato la località di Albufeira, in origine un piccolo villaggio di pescatori che con il tempo si è strasformata una una località molto turistica, troppo turistica per i miei gusti.

Sono sicuro di non esagerare se dico che il centro storico originario si è ormai trasformato in un grande bazar fatto dei soliti negozietti di souvenir e di una miriade di bar e ristoranti super turistici, presi d’assalto da turisti di medio-basso livello, come quelli che si possono trovare in un qualsiasi villaggio turistico, più interessati a scegliere il magnete da portare a casa ad amici e parenti piuttosto che a conoscere le tipicità locali.

Fate una prova: aprite Google Map e digitate Albufeira, poi zummate sul centro storico, e vi appariranno una miriade di locali. Incredibile davvero.

Diciamo che ormai assomiglia a una Benidorm spagnola, anche se mantiene ancora qualche angolo con un certo fascino, soprattutto nella parte più alta del centro storico, che si può raggiungere percorrendo una delle vie ripide che partono dalla via principale.

Dopo una bella salita ho raggiunto il castello che ha una bella Torre dell’Orologio. Una delle poche cose che vale la pena visitare. Se per magia scomparissero i segni dell’offerta turistica di massa, si potrebbero vedere gli edifici bianchi tipici del Portogallo.

algarve spiaggia san rafael
La bellissima spiaggia di San Rafael ad Albufeira | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve spiaggia falesia albufeira
L’incantevole Spiaggia Falesia ad Albufeira | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Uscendo dal centro storico di Albufeira, dopo qualche chilometro, ho invece trovato delle incantevoli spiagge, davvero molto suggestive e curate. Quella che mi è piaciuta in assoluto di più perchè l’ho trovata davvero molto pittoresta è la Praia de San Rafael, che si trova nel bel mezzo di due imponenti costoni rocciosi.

Davvero molto bella è anche la Praia da Falésia, nell’altro lato rispetto ad Albufeira. Ma nei dintorni ce ne sono molte altre, tutte vicino una all’altra ma di accesso indipendente, tra le quali le più belle secondo me: Praia de Coelha, Praia de Ponta Pequena, Praia dos Pescadores.

Lagos

Lagos è una cittadina che non avevo considerato durante la pianificazione del mio viaggio in moto in Portogallo. Non so perchè, ma non ho trovato molte informazioni nemmeno su altri blog o sul sito di promozione del turismo dell’Algarve, e quelle che ho trovato non la dipingevano come una di quelle località che valeva la pena visitare. Invece ho dato retta al mio istinto ed è stata una stupenda sorpresa.

algarve lagos
Il piccolo centro storico di Lagos | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve centro storico di lagos
Il centro storico di Lagos, il luogo ideale per una bella passeggiata | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Sicuramente è una cittadina molto turistica, ma che a differenza di Albufeira è stata in grado di mantenere abbastanza intatta la sua identità, anche nel centro storico. Certo, anche qui abbondano bar, ristoranti e negozi di souvenir, ma si integrano abbastanza bene con le tipicità locali.

Quello che colpisce subito è il complesso di mura del periodo romano, che furono con il tempo rimodellate dagli arabi e successivamente dal Regno di Spagna. Le mura sono intervallate da nove torri preparati per ospitare l’artiglieria e hanno ben sette porte di accesso. Davvero molto belle.

algarve falesie di lagos
Gli emozionanti anfratti delle falesie di Lagos | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve ponta piedade
Suggestivo panorama della costa frastagliata di Lagos in Algarve dalla Ponta da Piedade | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Ma la chicca è la costa altamente frastagliata quasi in corrispondenza della città, con diversi chilometri di alte falesie all’interno delle quali si trova un complesso di passaggi e grotte accessibili praticamente solo in barca, ma che anche dall’alto regalano un panorama davvero mozzafiato, difficile da spiegare a parole. Soprattutto perchè il mare è di un blu intenso come non l’ho quasi mai visto da altre parti.

La porzione di costa incomincia in corrispondenza della Spiaggia Dona Ana si sviluppa attorno al promontorio chiamato Ponta da Piedade, fino alla Spiaggia Do Barranco do Martinho dall’altro lato.

Io non ho resistito dal prendere una delle piccole barche che partono da diversi punti del lungomare per fare un giro, ed è stata un’esperienza davvero emozionante, impagabile. Invece di prendere la barca dal lungomare è possibile anche andare direttamente alla ponta da Piedade e di arrivare al luogo di sosta delle imbarcazioni scendendo una ripida scalinata.

La costa è intervallata da diverse spiagge inserite in un contesto quasi incontaminato, tutte minuscole e molto intime, un vero “must” per gli appassionati dei bagni al mare, ma anche delle immersioni, che permettono di scoprire il mondo sottomarino.

Luz 

Luz è una piccola località balneare tra Lagos e Sagres, dove vale la pena parcheggiare la moto per qualche ora per una passeggiata sul suo bel lungomare che si affaccia su una spiaggia circondata da falesie, e per il minuscolo centro storico, anche in questo caso fatto di case bianche.

A Luz troverete un ambiente molto diverso da quello che troverete ad Albufeira e nelle altre città dell’Algarve. Tutto è rimasto intatto nel tempo e il turismo è poco, e di alto livello. Per cui aspettatevi pace e tranquillità, e davvero tanto ordine, aspetti molto utili per il relax.

La parola Luz in portoghese (e in spagnolo) significa “Luce”, ed è proprio la splendida luce tutto l’anno la protagonista di questa bella località.

Luce che al calare della sera diventa calda, regalando splendide atmosfere. Purtroppo avevo la macchina fotografica scarica e non ho potuto fare nessuna foto qui, ma vi basterà una ricerca in Google per scoprire quanto è carino questo posto.

Sagres

Sagres si trova nell’estremità sud-occidentale del Portogallo ed è una vera e propria mecca per gli appassionati di surf, a causa del forte vento e delle bellissime spiagge della Costa Vicentina che da qui arriva fino a Sines. Pur non avendo praticamente niente di speciale, per me la sua semplicità è proprio la sua bellezza.

La sensazione che ho avuto è quella di arrivare alla fine del mondo. Proprio perchè è un punto di riferimento per i surfisti gli alberghi sono quasi sempre pieni durante tutto l’anno, e per questo molto cari.

Il mio consiglio è di fare come ho fatto io, e di cercare alloggio nelle case private che affittano le stanze. Risparmierete molti soldi e troverete un’ospitalità molto calda. Anche se ci sono molti surfisti i turisti sono nel complesso pochissimi, e ancora meno sono gli abitanti, infatti già dalle prime ore della sera sembra deserta, e le cose da fare già quando il sole comincia a calare sono davvero poche.

algarve costa di sagres
La splendida falesia frastagliata della costa di Sagres in Algarve | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve cabo sao vicente
Le falesie della costa al suggestivo Cabo Sao Vicente a Sagres | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
sagres tramonto
Il romantico tramonto a Cabo Sao Vicente a Sagres | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
algarve faro cabo sao vicente
Il faro che domina il mare al Cabo Sao Vicente a Sagres al tramonto | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Ma ce n’è una obbligatoria: visitare il Cabo São Vicente (Capo San Vincenzo, in italiano), dove oltre ad ammirare un tramonto da brivido sferzato dalla potenza del vento, è possibile vedere la bellissima fortezza eretta nel Secolo XVI per proteggere la costa dai frequenti attacchi dei pirati arabi.

Si tratta di una costruzione militare di pianta poligonale con una porta d’entrata abbellito dallo scudo reale e dove si trovava il ponte levatoio. All’interno della fortezza si trova il Farol de São Vicente (Faro de San Vicente), costruito nel 1904, che ancora oggi continua ad essere attivo.

Non sono solito consigliare posti dove mangiare, perchè voglio mantenermi imparziale su questo argomento, ma in questo caso farò un’eccezione, perchè qui ho trovato il ristorante dove ho mangiato meglio durante tutto il mio viaggio.

Si chiama Adega dos Arcos, propone ottimi piatti di pesce o di carne, ed è davvero economico. Ad esempio un abbondante piatto di sardine freschissimi con diversi contorni inclusi costa circa 9 euro, birra a 1,5 euro, e una entrecote sempre con contorni inclusi a 12 euro. Davvero raccomandato!!!

 

Rispondi