il muse h2o

MUSE H2O: la nuova e innovativa struttura a forma di atomo di ossigeno al MUSE Museo delle Scienze di Trento

 

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Il MUSE H2O è la nuova sezione del MUSE Museo delle Scienze di Trento costituita da tre strutture a forma di bolle che nel suo complesso rappresenta un atomo di ossigeno, ed è pensata per aggiungere funzionalità e completare la struttura del MUSE Museo delle Scienze di Trento. Il MUSE H2O si compone di un planetario (la molecola d’ossigeno) nel quale saranno realizzate innovative proiezioni digitali sulla superficie sferica e da due struttura più piccole collegate con la prima (le due molecole di idrogeno), che saranno utilizzate come spazi multifunzionali, per laboratori e finalità didattiche 

MUSE H2O è l’ultimo e forse più innovativo progetto del MUSE Museo delle Scienze di Trento che sarà inaugurato il prossimo Aprile 2019.

Si tratta di un planetario composto da tre sfere, una più grande, l’Ossigeno, è due più piccole, che rappresentano le due molecole di Idrogeno, e che nel loro complesso delineano una grande molecola d’acqua.

il planetario muse h2o I rendering del MUSE H2O: il planetario del MUSE Museo delle Scienze di Trento | Fonte: MUSE[/caption]

La sfera grande sarà sede di un innovativo teatro digitale, all’interno del quale si alterneranno fantastiche proiezioni sferiche in tema di astronomia ad una programmazione di documentari sui temi della natura, ambiente, esplorazione e persino sessioni di cinema sperimentale.

Il teatro digitale sarà dotato di una innovativa tecnologia che permetterà la proiezione in qualità cinematografica su tutta l’emisfera di video realizzati appositamente per questo schermo non lienare, ma potrà arricchirsi anche di video di formati diversi, compreso quello cinematografico tradizionale.

I primi video predisposti per la proiezione sferica avranno tema astronomico e scientifico, per essere progressivamente arricchiti con altre tematiche, tutte però con contenuto educativo.

Le due sfere più piccole saranno invece multifunzionali, e ospiteranno attività educative, di formazione e di esposizione, e permetteranno aggiungere nuovi spazi educativi a quelli presenti nell’edificio principale del museo.

La forma del contenitore a “molecola d’acqua” non è stata scelta a caso, ma ha il chiaro obiettivo di lanciare un messaggio planetario in termini di attenzione ai temi fondamentali della sostenibilità ambientale. La molecola d’acqua è infatti il simbolo della risorsa più preziosa, sulla quale si gioca tutto lo scenario del futuro sostenibile dell’umanità.

La disposizione delle tre sfere è identica a quella con cui si dispongono gli atomi della molecola: al centro il grande atomo di Ossigeno che si lega con gli altri due più piccoli atomi di Idrogeno secondo un angolo caratteristico a 104,5°, collegate tra loro da una passerella circolare che disegna una sorta di grande anello di Saturno.

La sua forma sarà rilevata dalle mappe satellitari, e questo le permetterà di diventare una rappresentazione fisica dell’identità culturale del MUSE e del Trentino. Dunque, un planetario di rilievo planetario.

Il MUSE H2O sarà pronto per il mese di aprile 2019, mentre l’evento di inaugurazione ufficiale è previsto per l’autunno del 2019, in una data ancora da stabilire. La cosa certa è che bisogna aspettarsi grandi sorprese per l’inaugurazione!

Ti è piaciuto il mio articolo? Metti un bel “MI PIACE” sulla mia pagina Facebook

Rispondi