un murales commemorativo nel barrio pablo escobar

I 6 luoghi che raccontano la storia di Pablo Escobar dentro e fuori Medellín

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Il celebre narcotrafficante Pablo Escobar Gavira, capo del Cartello Medellín, durante il suo regno da re della droga tra gli anni ’80 e il 1993, anno della sua morte a 44 anni, ha plasmato indelebilmente la città. E tutt’oggi, a distanza di più di 25 anni, il suo ricordo è ancora molto presente, così come i luoghi che raccontano la sua storia, come ad esempio l’Edificio Mónaco, dove visse insieme alla sua famiglia, la Hacienda Nápoles, il suo quartier generale nella campagna della regione di Antioquia, e il Barrio Pablo Escobar, dove edificò migliaia di case per le famiglie più povere. Tutti luoghi che ti consiglio di visitare per imparare a conoscere meglio questa controversa figura che ha seminato il terrore per le strade di Medellín, rendendola per anni la città più pericolosa del Sud America

Se hai deciso di visitare Medellín immagino che sarai curioso di conoscere i luoghi che hanno interessato la vita della celebre figura di Pablo Escobar Gavira.

Non c’è bisogno che ti dica che è stato il narcotrafficante più famoso al mondo a capo del Cartello de Medellín, e che fino all’anno della sua morte nel 1993 in una sparatoria con la polizia ha seminato il terrore in città con cruenti attentati ed omicidi efferati. Perchè sicuramente lo sai già.

pablo escobar gavira
Pablo Escobar Gavira | Fonte: Getty Images

Quello che forse non sai è che con il riciclaggio dei soldi provenienti dal traffico della cocaina, soprattutto nei primi anni, Escobar modificò il paesaggio urbano di Medellin.

Li investì infatti in grandi opere pubbliche e nella costruzione di case per migliaia di famiglie povere, che si concentrano in quello che ancora oggi viene chiamato informalmente “Barrio Pablo Escobar“.

Qui puoi trovare decine di murales che lo ritraggono, immagini e frasi che gli rendono omaggio. Ma anche molti negozi locali fanno affari vendendo souvenir a tema e merchandising. Non c’è da stupirsi di questo riconoscimento perchè prima della costruzione del Barrio Pablo Escobar qui la gente viveva in baracche fatiscenti.

un murales commemorativo nel barrio pablo escobar
Un murales commemorativo nel Barrio Pablo Escobar | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
un negozio vende i souvenirs di pablo escobar
Un negozio vende souvenirs di Pablo Escobar | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

Ma prendendo spunto da quello che ho appena detto, e per evitare fraintendimenti, voglio fare una precisazione.

Non ho scritto questo post per glorificare in alcun modo la figura di Escobar, che ha contribuito a rendere Medellín una delle città più pericolose del mondo negli anni ’80 e ’90, ma perchè nonostante questo rappresenta un simbolo culturale importante che ha segnato anche il futuro della città. E, comunque, nonostante tutto, è stato ed è tutt’ora una figura controversa e ambivalente nella percezione degli abitanti di Medellín.

I luoghi di Pablo Escobar a Medellín

– L’Edificio Mónaco

Tra i luoghi di Pablo Escobar a Medellín il più emblematico era sicuramente l’Edificio Mónaco, non solo casa della famiglia di Escobar, ma anche il posto dove i nemici del Cartello di Medellín erano torturati e poi uccisi.

Nel 1988 questo edificio di 6 piani nell’elegante quartiere di El Poblado fu bombardato dai membri del Cartello di Cali, rivale di quello di Medellín.

edificio monaco residenza di pablo escobar a medellín
L’Edificio Mónaco, residenza di Pablo Escobar a Medellín | Fonte: Getty Images

Dico “era” perchè è stato demolito nel Febbraio 2019 con un’esplosione controllata per decisione del sindaco di Medellín Federico Gutiérrez, che da quando è in carica cerca di combattere con tutti i mezzi a sua disposizione il così detto “narcoturismo”, alimentato anche dalla serie televisiva Narcos di Netfix. Al posto dell’Edificio Mónaco sorgerà il primo monumento commemorativo delle vittime del narcotraffico.

E per far questo elimina progressivamente i diversi simboli di quell’ingombrante passato. Un’altra misura fu la rimozione della riproduzione del piccolo aereo che Escobar ha utilizzato per i primi trasporti di cocaina verso gli Stati Uniti, che campeggiava sopra l’ingresso del parco di divertimento nell’Hacienda Mónaco.

– Cementerio Jardines de Montesacro

Un’altra tappa obbligata se sei interessato alla figura di Pablo Escobar a Medellín è la sua tomba nel Cementerio Jardines de Montesacro, che è la seconda più visitata del Sud America dopo quella di Evita Perón nel Cementerio de La Recoleta a Buenos Aires.

Articoli che potrebbero interessarti: Buenos Aires: la capitale dell’Argentina vive tra un passato glorioso e un presente affascinante

la tomba di pablo escobar gavira
La toma di Pablo Escobar | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

La visita alla tomba è anche una bella occasione per vedere il grande parco alberato che lo circonda, e offre una bella vista della città. Si trova al Sud-Est di Medellín.

Nel parco si trovano anche diverse opere scultoree, tra le quali la più importante è sicuramente la Capilla, opera dell’architetto Laureano Forero, che ricevette un prestigioso premio di architettura nel 1973.

– Santuario Virgen de la Rosa Mística

Anche se è difficile pensarlo, Pablo Escobar era anche davvero molto religioso. E per questo, insieme alla sua famiglia e ai suoi scagnozzi, era solito andare in chiesa per assistere alle funzioni religiose e chiedere la protezione divina.

In particolare, un luogo a loro molto caro è stato il Santuario Virgen de la Rosa Mística, nota anche come la Virgen de los Sicarios, che si trova su di un’altura nell’esclusivo quartiere de El Poblado. Dove Escobar e la sua gente si recavano a pregare chiedendo la protezione prima di commettere ogni atto criminale.

santuario virgen de los sicarios di pablo escobar
Il Santuario Virgen de los Sicarios | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)
santuario virgen de los sicarios di pablo escobar
Placche ex-voto nel Santuario Virgen de los Sicarios | Copyright Federico Belloni (tutti i diritti riservati)

La leggenda dice che fu proprio Escobar a portare qui la Virgen in segno di ringraziamento, e a realizzare la montagna nella quale fu incastonata. Oggi è circondata da molte placche ex-voto, e si dice che la maggior parte sono state poste proprio da sicari prima di uccidere, ma anche da ex sicari che ringraziano per “il miracolo” di avere avuto la possibilità di cambiare vita.

– La casa nel quartiere Los Olivos

E poi la casa nel barrio Los Olivos, dove l’ormai braccato Pablo Escobar si rifugia insieme ad Álvaro de Jesús Agudelo, la sua più fidata guardia del corpo, conosciuta da tutti come Limón, quando ormai tutti i suoi più fedeli collaboratori sono morti e la sua organizzazione è in pezzi.

In questa casa il 2 Dicembre 1993 si compie il suo destino. Infatti quel giorno i membri della squadra speciale colombiana Bloque de Búsqueda riescono a localizzare il suo radiotelefono proprio in questa casa.

casa de los olivos di pablo escobar
Il tetto della casa a Los Olivos con il cadavere di Pablo Escobar subito dopo l’uccisione | Fonte: Getty Images

I militari sfondano la pesante porta d’acciaio e sei agenti fanno irruzione. I due narcos aprono il fuoco mentre scappano sul tetto nel tentativo di una fuga disperata, ma non hanno scampo dai mitragliatori degli agenti di polizia.

Limón viene colpito diverse volte alla schiena e vola in strada. Quindi anche Pablo viene colpito, prima alle gambe ed al busto, poi un colpo fatale alla testa. Muore all’istante su quel tetto della casa a Los Olivos all’età di 44 anni.

I luoghi di Pablo Escobar fuori da Medellín

Se vuoi avvicinarti e conoscere un pò la storia di Pablo Escobar, oltre ai luoghi che ti ho suggerito di vedere a Medellín, devi vederne altri due che sono fuori dalla città: la Hacienda Nápoles e La Catedral.

– La Hacienda Nápoles

Il luogo più emblematico della storia di Pablo Escobar fuori da Medellín è la Hacienda Nápoles, la villa che il narcotrafficante si fece costruire nella regione di Antioquia, a circa 4 ore dalla città, nella quale stava spesso con la sua famiglia e con i suoi più stretti collaboratori. Puoi considerarla come la casa di campagna ma allo stesso tempo il vero quartier generale del Cartello di Medellín. Dove effettivamente avvenivano le riunioni nelle quali venivano prese le decisioni più importanti.

Questa residenza è immensa che ha come epicentro la grande villa coloniale spagnola, è circondata da un’area di oltre 3.000 ettari di terreno che contiene addirittura una pista di decollo e atterraggio.

Hacienda Nápoles di Pablo Escobar
La Hacienda Nápoles, fuori da Medellín, casa di campagna e quartier generale di Pablo Escobar

Inoltre, sparse per tutta la proprietà, ci sono diverse case collegate da strade, addirittura sei piscine e, anche se non ci crederai, un’arena per i tori. Ma anche 20 laghi artificiali e tante stalle per i cavalli.

Ai tempi in cui ci andava Escobar nell’area c’era anche uno zoo che ospitava animali esotici, tra i quali ippopotami, giraffe, cammelli, rinoceronti, elefanti, zebre e canguri.

All’Hacienda Nápoles erano custoditi anche tanti dei mezzi di trasporto che utilizzava, inclusa la celebre Cadillac degli anni ’30 che riempì appositamente di buchi di pallottola per farla assomigliare a quella di Al Capone.

Hacienda Nápoles di Pablo Escobar
La piscina principale della Hacienda Nápoles | Fonte: Getty Images

Quando il governo colombiano ha incominciato a stringere il cerchio attorno a Pablo Escobar fu abbandonata.

Oggi la Hacienda Nápoles è stata trasformata in un parco di divertimento molto visitato. Se non dire il più visitato di Medellín e uno dei più visitati dell’intera Colombia. Una visita ti permetterà di farti un’idea concreta della grandissima ricchezza accumulata da Escobar.

– La Catedral

Un altro luogo simbolo della vita di Pablo Escobar è La Catedral, la prigione “di lusso” che costruì a sue spese per se stesso a seguito di un accordo con il governo colombiano. Questo “trattato” prevedeva un periodo di confinamento obbligatorio di 5 anni (a partire dal 5 Giugno 1991) che gli impediva di essere estradato negli Stati Uniti.

La Catedral, che in origine era un centro di recupero per tossicodipendenti, si trovava nei pressi di Envigado, al confine con Medellín, e la sua posizione è stata scelta da Escobar in persona perchè davvero molto strategica. Infatti dominava Medellín, e per questo non era facilmente attaccabile dai gruppi di militari o dai cartelli della droga rivali.

La Catedral, prigione di Pablo Escobar
La Catedral, prigione di lusso di Pablo Escobar | Fonte: Getty Images

Anche se formalmente era una prigione, nella realtà La Catedral era una vera e propria fortezza di lusso, nella quale Pablo, suo fratello e i loro scagnozzi alla fine hanno scontato solo un anno di detenzione prima di fuggire nel 1992.

La struttura era immensa e aveva molte camere comode e davvero spaziose, arredamento di design, vasche idromassaggio, diverse sale biliardo, un centro fitness, un campo da calcio e addirittura un ufficio personale dal quale Escobar continuava a dirigere i suoi affari.

Ma gli abitanti di Medellín scoprirono tutto questo lusso solo al momento della fuga. E l’indignazione fu ovviamente davvero moltissima. Oggi La Catedral è un monastero benedettino.

I tour alla scoperta dei luoghi di Pablo Escobar a Medellín

Se vuoi visitare i luoghi di Pablo Escobar a Medellín puoi farlo da solo oppure unirti ad un tour organizzato da un’agenzia. Io ti consiglio quest’ultima soluzione perchè potrai conoscere storie e dettagli sicuramente molto interessanti. A me il tour, al di là delle questioni etiche, mi è piaciuto davvero moltissimo.

Quasi tutti i tour durano circa mezza giornata, ma le tariffe variano davvero molto. Ma è uno dei casi dove il prezzo più alto è quasi sempre sinonimo di maggiore professionalità e qualità dell’esperienza.

Roberto Escobar, fratello di Pablo Escobar
Roberto Escobar, fratello di Pablo | Fonte: Getty Images

Fiutato il business, anche la famiglia ed alcuni degli ex scagnozzi di Escobar hanno incominciato ad organizzare visite guidate. In particolare li organizza il fratello Roberto Escobar, detto El Osito, con il quale è possibile discutere degli argomenti preferiti dal capo, e conoscere delle curiosità anche molto private.

Roberto Escobar è stato anche promotore del Museo Escobar, anche questo fatto chiudere qualche tempo da dal sindaco di Medellín.

E Jhon Jairo Velásquez, detto “Popeye”, ex sicario del cartello di Medellín che negli anni Ottanta e Novanta uccise decine di persone per conto del gruppo criminale, uscito dal carcere nel 2016.

Jhon Jairo Velásquez ex sicario di Pablo Escobar
Jhon Jairo Velásquez ex sicario di Pablo Escobar | Fonte: Getty Images

Rispondi