fallas carro allegorico

Les Fallas di Valencia: una festa popolare tra fuoco, musica, polvere da sparo ed eleganti sfilate

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Les Fallas di Valencia: una delle feste popolari secolari più famose di Spagna, un appuntamento imperdibile tutti gli anni durante il mese di Marzo, tra fuoco, musica, polvere da sparo ed eleganti sfilate, da poco inserito nella lista del Patrimonio Mondiale Immateriale dell’UNESCO

Avete in mente di visitare a Valencia? Date retta a me: fatelo durante il prossimo mese di Marzo, e più precisamente dal 15 al 19, per assistere al Les Fallas, una tradizione popolare secolare fatta di fuoco, musica, polvere da sparo ed eleganti sfilate, tanto importante e caratteristica che dal 2016 è addirittura Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’UNESCO. In realtà anche se i giorni principali sono questi cinque, a Valencia ci sono spettacoli ed eventi legati alle Fallas durante tutto il mese di marzo.

fallas petardi
Una delle tante file di petardi pronti ad esplodere | Fonte: Visit Valencia

Tutto ha origine molti secoli fa. Quando i giorni cominciavano ad allungarsi ed arrivata la primavera, la gente portava in strada vecchi mobili ed utensili in legno che non usava più, a cui pare si aggiungessero bambolotti che rappresentavano i vicini, per criticarne i comportamenti, e li radunava in mucchi, per poi dar vita a scopiettanti falò, che diventavano un allegro momento di convivialità. Questa tradizione di quartiere si amplia con il passare del tempo e all’improvvisazione della gente si aggiunge il lavoro di falegnami e altri artigiani che danno vita alla festa proprio come la conosciamo oggi.

Protagonisti de Les Fallas di oggi sono sicuramente gli oltre 800 monumenti di legno e di cartapesta che ironizzano sui personaggi protagonisti dello spettacolo, della politica, e più in generale di temi di attualità, realizzati interamente da artigiani locali che per cinque giorni riempiono le vie della città, per poi essere bruciati l’ultima notte, in un immenso falò che illumina letteralmente la città.

fallas carro allegorico
Un simpatico carro allegorico pieno di personaggi colorati | Fonte: Visit Valencia
fallas valencia
Un grande carro allegorico sfila per la strade della città | Fonte: Visit Valencia
fallas sfilate carri allegorici
I divertenti personaggi dei tanti carri allegorici che sfilano durante Les Fallas | Fonte: Visit Valencia

A questo ingradiente se ne aggiungono altri: la musica tradizionale valenciana suonata utilizzando strumenti popolari oggi inusuali come il “tabal” e la “dolçaina”, la polvere da sparo dei fuochi d’artificio e i coloratissimi vestiti tradizionali realizzati interamente in seta seguendo le tecniche tradizionali di confezionamento in uso nei secoli XVIII e XIX, tessuti anche usando strumenti dell’epoca recuperati e restaurati. Tutto questo, insieme ai suoi rituali non scritti ma tramandati di generazione in generazione, trasformano la città di Valencia nel palcoscenico di uno stupendo spettacolo di arte effimera.

fallas dolçaina
Un suonatore di dolçaina | Fonte: Visit Valencia
fallas tabal e dolcaina
Suonatori di tabal e dolcaina | Fonte: Visit Valencia
fallas costumi tradizionali
Le falleras negli eleganti costumi tradizionali | Fonte: Visit Valencia
fallas abiti falleras
Un dettaglio degli eleganti costumi tradizionali | Fonte: Visit Valencia

Di tutti gli spettacoli, quelli pirotecnici sono sicuramente quelli che mi sono piaciuti di più, soprattutto quelli che si propongono all’interno delle manifestazioni autoctone, come “La Mascletà” e “Il Tiro de Bac“, e che mi hanno regalato vibrazioni così forti che mi sono arrivate dirette al cuore, colori magici che si trasformano in fumo denso che si alza verso il cielo, e un odore penetrante di polvere da sparo, che mi è sembrato addirittura gradevole, forse per il magico contesto che stavo vivendo.

fallas polvere da sparo
Il fumo denso lasciato dalla polvere da sparo | Fonte: Visit Valencia

Mi hanno spiegato che tutto questo è frutto del lavoro delle Commissioni Falleras (ce ne sono addirittura mille), che per tutti i dodici mesi dell’anno si preparano per la successiva edizione de Le Fallas, insieme allo sforzo e alla professionalità di numerosi artigiani: orefici, tessitori, fabbricanti di ventagli, cesellatori, fabbricanti di vestiti tipici, gioiellieri, che creano prodotti unici al mondo mantenendo viva la cultura e le tradizioni popolari.

Sono diversi gli eventi che non biogna perdersi durante il mese di Marzo e che sono parte integrante de Las Fallas, primo tra tutti “La Crida” durante il quale, dopo un bellissimo spettacolo di luci suoni, musica e fuochi artificiali, la Fallera Mayor di Valencia (la madrina delle Fallas) invita tutti a divertirsi durante la festa.

fallas la crida
La Crida | Fonte: Visit Valencia

Bellissimo evento è “La Mascletà“, che vi ho già citato, un fantastico spettacolo pirotecnico di circa 7 minuti durante le esplosioni di polvere da sparo dopo un inizio soave vanno in crescendo, fino ad una chiusura davvero spettacolare. Un’altro spettacolo pirotecnico bellissimo è quello della “Nit del Foc” (Notte del Fuoco), che si svolge la notte dal 18 al 19 e serve da premessa al gran giorno delle Fallas. Nei giorni del 17 e 18 Marzo si celebra invece l’offerta dei fiori alla Virgen de los Desamparados, la patrona di Valencia. È una grande sfilata durante la quale gli appartenenti alle diverse Comisiones Falleras si presentano con i loro abiti migliori, per offrire i loro mazzi di fiori a una gigantesca immagine della Madonna, posizionata al centro della piazza che porta il suo nome e in cui si trova la sua Basilica.

fallas la mascleta
La Mascletà | Fonte: Visit Valencia
fallas virgen de los desamparados
Inizio del corteo dl offerta dei fiori alla Virgen de los Desamparados | Fonte: Visit Valencia

Durante “La Exposición del Ninot” (La Esposizione del Ninot), vengono esposte le figure che compongono i monumenti de Les Fallas (i Ninot) fino al giorno della “Plantà“, quando ogni figura viene ritirata dalla commissione proprietaria per essere portata al monumento alla quale appartiene. Durante il tempo dell’esposizione ogni visitatore può scegliere il Ninot che preferisce, e quello che riceve più voti non sarà bruciato come gli altri durante “La Cremà”, ma diventerà parte integrante del Museo Fallero, insieme a quelli graziati durante tutte le altre edizioni delle Fallas, a partire addirittura dal 1934.

fallas ninot
Un Ninot | Fonte: Visit Valencia

La Cremà” è l’evento conclusivo de Les Fallas, la manifestazione più famosa a livello internazionale e quella che sicuramente da anche pieno senso alla festa delle Fallas. Durante questo evento, nella notte tra il 19 e il 20 di Marzo, tutti i monumenti vengono cremati, perchè proprio questo è il loro scopo, e allo stesso tempo la loro magnificenza. Inutile dirvi che non dovete perdervelo.

fallas la cremà
La Cremà, evento conclusivo | Fonte: Visit Valencia

Se decidete di andare a Valencia durante questo periodo sappiate che Les Fallas si celebrano anche in molte altre località della regione, sia nella Provincia di Valencia che in quella di Castellón e di Alicante…una buona scusa per conoscere in modo più approdondito la Comunità Valenciana. Io quando ci sono stato l’anno scorso ho fatto proprio così. Non ve ne perntirete!!! 😉

 

 

Rispondi