Giornata Mondiale dei Bloggers 2019

2 Maggio 2019: Giornata Mondiale dei bloggers (World Bloggers Day)

federico belloni professional travel blogger
Federico Belloni Professional Travel Blogger

Come ogni anno dal 2010, anche il prossimo 2 Maggio si celebra la Giornata Mondiale dei Bloggers, per riconoscere, valorizzare, tutelare e celebrare la libertà di espressione dei blogger

Se stai leggendo questo articolo saprai che cos’è un blog. Ma forse non ti sei mai fermato un attimo a ragionare sull’importanza che questo mezzo di comunicazione ha assunto nella società, contribuendo a cambiarla radicalmente negli ultimi anni.

Il blog, per molti di noi bloggers, è uno sfogo, un modo di raccontare e di informare su uno specifico argomento, mentre per molti altri si è trasformato in un vero e proprio lavoro.

Al di la del motivo che spinge ognuno di noi a investire intere giornate per far sentire la propria voce attraverso il blog, la cosa certa è che ci da la fantastica opportunità di dialogare, interagire e scambiare opinioni e punti di vista con tutti voi, senza filtri e restrizioni di sorta, per dire davvero quello che ci sembra giusto, senza pressioni o condizionamenti che spesso hanno i giornalisti. E questo è davvero meraviglioso.

Giornata Mondiale dei Bloggers 2019

Una libertà che deve essere riconosciuta, valorizzata e tutelata, per garantirci la possibilità di continuare a dare il nostro contributo alla libertà di espressione.

Il ruolo dei bloggers nell’era della comunicazione web ha incominciato ad essere riconosciuto nel 2010, grazie al movimento World Bloggers Day, nato a Cebu, nelle Filippine, con l’obiettivo di collegare il maggior numero possibile di comunità di bloggers presenti nel mondo.

Da quell’anno, ogni 2 Maggio, si celebra la Giornata Mondiale dei Bloggers, anche e soprattutto per celebrare gli amici bloggers perseguitati e uccisi proprio per aver usato questo strumento per denunciare soprusi, ingiustizie e violenze.

Global Voice network alla giornata mondiale dei bloggers 2019

Questo è ad esempio successo all’iraniano Omid Reza Mir Sayafi, morto in carcere dopo aver criticato l’Islam sulle pagine del suo blog. Come lui, nel 2011 è morto in un carcere del Bahrein Zakariya Rashid Hassan al-Ashiri, e il brasiliano Edinaldo Filgueira, solamente per aver denunciato i misfatti del governo locale.

Anche Aleksej Navalny, Olfa Riahi, Asif Mohiuddin, Zeng Jinyan e la rete Global Voices hanno criticato i governi e i fondamentalismi religiosi, denunciato i soprusi e difeso i diritti umani e la libera espressione grazie ai blog.

La Gionata Mondiale dei Bloggers del 2 Maggio è dedicata a tutti loro.

Rispondi